Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 439.788.014
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 10 gennaio 2022 alle 17:22

Lomagna vuole dotarsi di un eco-compattatore per plastica

La Giunta di Lomagna punta ad introdurre due novità al centro di raccolta rifiuti in via del Roccolo. Dopo i lavori che dal 1° aprile 2021 hanno consentito l'automazione degli accessi tramite il controllo elettronico della carta dei servizi regionale (o tessera personalizzata per le utenze non domestiche), ora l'amministrazione si pone un nuovo obiettivo: introdurre un eco-compattatore per le bottiglie di plastica e un distributore automatico di sacchi rossi, sacchi viola e sacchi biodegradabili per la raccolta differenziata dei rifiuti. Un intervento - definito nella delibera di Giunta "complesso" - che si sposa con le politiche del riciclo, attraverso una maggiore sensibilizzazione e per ridurre il quantitativo di rifiuti nella raccolta porta a porta del sacco viola, rendendo maggiormente virtuoso il Comune. Si tratta per altro di un'istanza che era emersa recentemente in sede di Consulta Urbanistica.

Lomagna ha delegato Silea, società pubblica che si occupa del ciclo dei rifiuti nella Provincia di Lecco, ad effettuare la progettazione dell'intervento. La stessa azienda è stata individuata come soggetto che dovrà poi occuparsi della realizzazione dell'iniziativa ecologica. Silea raccoglierà le istanze pervenute dagli altri Comuni soci per candidarsi a un bando del Ministero della Transizione Ecologica volto al "miglioramento e meccanizzazione della rete di raccolta differenziata dei rifiuti urbani" e finanziato con i fondi del PNRR.

La candidatura di Silea è coerente con l'atto di indirizzo che le era stato dato a fine ottobre scorso dall'Assemblea intercomunale che tra gli interventi di adeguamento ammissibili aveva individuato anche opere di maggiore portata: l'automazione degli accessi (già avvenuta a Lomagna); l'installazione di un totem con un sistema di identificazione degli utenti e la pesatura dei rifiuti conferiti; la creazione di un sistema di videosorveglianza (già presente a Lomagna) con la lettura e l'identificazione delle targhe; la fornitura di casette ecologiche o eco-stazioni ad accesso controllato con identificazione del conferitore.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco