• Sei il visitatore n° 485.228.625
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 20 dicembre 2021 alle 19:21

''Case di Comunità'' illustrata in un convegno la proposta del distretto di Lecco

"Case di Comunità una proposta per il territorio del distretto di Lecco", il tema del lungo incontro svoltosi oggi presso l'aula magna dell'ospedale Manzoni di Lecco. Affollato il palco con i vertici socio-sanitari lecchesi. Guido Agostoni innanzitutto che ha introdotto i lavori, presidente del distretto di Lecco, il prefetto Castrese de Rosa che ha sottolineato il livello d'avanguardia del territorio nella gestione della continuità assistenziale. E poi Paolo Favini, direttore generale Asst, Carmelo Scarcella, direttore generale Ats, Marco Magri della coop. Cosma che riunisce la gran parte dei medici di medicina generale, Ruggero Plebani del distretto di Lecco. Al dibattito sono intervenuti il dottor Ravizza, presidente dell'ordine provinciale dei medici chirurghi e degli odontoiatri, Fedeli dell'ordine professionale infermieristico, Braguti di Federfarma, Marinoni di Confcooperative dell'Adda e Viganò del Centro servizi volontariato.

Il convegno è servito a presentare il documento messo a punto dal gruppo di lavoro coordinato dal Presidente del distretto di Lecco.

Che cosa è la Casa delle Comunità? E' un luogo fisico dove il cittadino deve trovare una serie di servizi suddivisi per aree:

1) area della medicina di famiglia, continuità assistenziale, gestione della cronicità

2) area dell'assistenza specialistica e della diagnostica di primo livello, farmacia dei servizi

3) area dei servizi di assistenza sanitaria e sociale (infermiere di famiglia) e volontariato incentrate sul concetto di domiciliarità e di supporto alla mobilità delle persone anziane e disabili.

4) area dei servizi alla persona che racchiude le attività attualmente di competenza degli enti locali come i servizi sociali, le unità d'offerta sociali e sociosanitarie, educative gestite da enti pubblici e terzo settore semiresidenziali e residenziali e, più in generale, tutte le attività che rispondono con diverse modalità e mezzi ai bisogni di fragilità sociale.

 

Otto le Case di Comunità previste nei tre distretti esistenti: Lecco, Calolzio e Oggiono per il distretto di Lecco; Merate, Casatenovo e Olgiate Molgora per il distretto di Merate; Introbio e Bellano per il distretto di Bellano.

 

Paolo Favini ha sottolineato come la nostra provincia sia d'esempio a livello lombardo, ricordando quando stava in Regione come direttore generale dell'assessorato alla famiglia l'apprezzamento per il piano di zona lecchese. Ha ribadito come il modello Lecco grazie anche al Dipartimento delle Fragilità sia già in grado di assicurare un elevato livello di assistenza anche territoriale.

 

Carmelo Scarcella ha posto l'accento sulla carenza di personale medico soprattutto ma in parte anche infermieristico senza i quali anche le buone riforme faticano ad essere attuate.

Tra i tanti interventi quello di Filippo Galbiati sindaco di Casatenovo a nome dei tre distretti: la riforma regionale 23/2015 relativamente ai servizi di integrazione socio-sanitaria è rimasta in gran parte inattuata. Anche Galbiati ha rilevato la carenza di medici ma ha pure sottolineato l'importanza dei centri spock, degli ospedali minori che negli ultimi anni sono andati perdendo importanza sia per la scarsità di risorse sia per scelte diverse prese dai direttori generali. Questi ospedali - ha detto Galbiati - vanno rilanciati perché sono essenziali per il territorio di riferimento.

 

La parola d'ordine di tutti gli interventi è fare sistema, lavorare assieme per offrire al cittadino un servizio più orientato al territorio e meno ospedalocentrico come è stato in passato quando le risorse sono state concentrate nella costruzione di nuovi ospedali abbandonando però le strutture di assistenza territoriale. La pandemia ha dimostrato che una robusta struttura di assistenza riduce la necessità di ospedalizzazione e soprattutto è in grado di intervenire prima sul paziente.

Un disegno, che in fondo ci riporta a vent'anni fa e che questa provincia può sviluppare con più facilità appoggiandosi su organizzazioni esistenti come il consorzio di cooperative come modello di assistenza sociale scelto da Lecco e Bellano, dove il privato è in maggioranza, oppure l'azienda speciale pubblica come ha scelto il meratese-casatese 15 anni fa.

 

Ora si ridisegnano i distretti, arrivano gli ospedali di comunità e le case di comunità. Un percorso lungo che dovrà fare i conti con la penuria di risorse economiche e umane.

CLICCA QUI per il documento riassuntivo

© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco