Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.868.084
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 25 novembre 2021 alle 18:24

Orgoglio Osnago interroga sul pinch point messo in via roma

In Consiglio comunale a Osnago, previsto per venerdì 26 novembre, si parlerà del pinch-point, realizzato nell'aprile del 2020 per volontà del Comune. Il gruppo di minoranza Orgoglio Osnago ha infatti presentato un'interpellanza (CLICCA QUI) sul restringimento della carreggiata in via Roma, tra il civico 21 e il 23. L'opera aveva destato diverse critiche tra la popolazione residente e non, specialmente dopo un incidente a poche settimane dall'installazione delle fioriere [clicca QUI]. "In più occasioni è stato dichiarato che l'opera realizzata è di natura sperimentale" ricorda il capogruppo all'opposizione, Marco Riva, che aggiunge: "L'opera e la sperimentazione non è stata discussa in eventi aperti alla cittadinanza, né in Consiglio né nelle Consulte". Dunque la richiesta di sapere quale sia l'esito della sperimentazione e quale sia l'intenzione dell'amministrazione sul mantenimento o in alternativa la rimozione dei dissuasori. Infine Riva chiede chi abbia progettato la soluzione viabilistica. Nel novembre 2020 era stato affidato un incarico per progettare uno studio per ridurre il rischio di incidentalità in via Roma, all'incrocio con via XX Settembre, oltre all'intersezione via Gorizia-via Morell-via Trento. Progetto che avrebbe incluso il posizionamento di sistemi mobili per la chiusura del centro e un sistema di lettura targhe. È noto che in via Roma l'amministrazione vorrebbe porre dei dossi per la "zona 30 km/h".


Tra i vari punti all'ordine del giorno c'è anche il ripiano dei disavanzi di Retesalute con il riconoscimento dei debiti fuori bilancio.
Con la seduta di venerdì, verrà chiesto al Consiglio di consegnare a Silea l'affidamento del servizio di ritiro porta a porta dei rifiuti indifferenziati. Osnago era uno dei pochi Comuni che non lo aveva riconosciuto alla società partecipata, ma alla G.Eco Srl. Il passaggio diventerà effettivo dal 1° febbraio 2022, contestualmente all'introduzione della misurazione puntuale con il sacco rosso.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco