Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 427.866.789
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 19 novembre 2021 alle 13:13

Merate: centinaia di studenti in corteo per chiedere maggiore attenzione alla scuola. Manutenzione, trasporti e benessere psicologico i temi in discussione

450 le adesioni dall'istituto Viganò e una cinquantina tra quelle del liceo Agnesi e di altre scuole della provincia. In corteo ce n'erano un po' meno ma l'impatto sulla città è stato comunque d'effetto.


Questa mattina alle ore 9 fuori dai cancelli di "ragioneria" in via dei Lodovichi si sono radunati alla spicciolata gli aderenti allo sciopero indetto per chiedere maggiore attenzione alla scuola, partendo da alcune tematiche "locali" e che in queste settimane si sono fatte sentire, ma che sono emblematiche dello stato in cui versa l'istituzione. Diritto allo studio, edilizia scolastica (caloriferi, tapparelle, classi senza interruttori della luce ecc.), trasporti ("spesso strapieni dove non ci si può sedere") e benessere psicologico ("c'è un eccessivo carico di studio e i professori spesso non lo comprendono").



Scortati da un ingente dispiegamento di forze dell'ordine di diversi corpi (polizia locale, polizia di stato, carabinieri), sia in divisa che in borghese, i manifestanti hanno risalito via Bonfanti per poi addentrarsi nel centro storico, percorrendo in senso contrario via sant'Ambrogio, via Roma, piazza della vittoria e approdando attorno alle 10.20 in piazza Prinetti.


 

CLICCA SULL'IMMAGINE STRISCIATA PER INGRANDIRE


Ad accompagnarli non solo gli slogan ripetuti al microfono ma anche gli applausi e gli incoraggiamenti delle tante persone che si sono affacciate alle finestre, agli androni dei palazzi e che si sono fermate in piazza ad ascoltare le motivazioni della loro protesta.




Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):
Dopo un momento introduttivo guidato da Giacomo Arrigoni, uno dei rappresentanti, che ha fatto radunare a semicerchio attorno alla fontana i compagni e ha ripercorso in sintesi le motivazioni della loro manifestazione, la parola è passata agli studenti che, uno per uno, hanno esposto il loro malcontento e disappunto per l'attenzione, a loro dire scarsa, data dalle istituzioni a problematiche quali la manutenzione delle strutture e la dotazione della strumentazione.



Presenti in piazza anche l'assessore all'istruzione Franca Maggioni e il sindaco Massimo Panzeri. Attorno a mezzogiorno i ragazzi, dopo essersi divisi in gruppi e aver lavorato sulle istanze da presentare ai dirigenti, hanno lasciato la piazza e sono tornati a scuola dove nei prossimi giorni consegneranno i loro "manifesti".

Articoli correlati
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco