Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 429.851.720
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 15 novembre 2021 alle 16:35

Sanità: oggi il cittadino è obbligato a farsi curare a pagamento

Raffaele Straniero, consigliere regionale PD
In Lombardia il 50% delle prestazioni ambulatoriali e diagnostiche è erogato dalle strutture sanitarie private accreditate e in alcune provincie anche oltre il 60%. È un trend in continua crescita. Dalla metà degli anni Novanta, in regione, i posti letto negli ospedali pubblici sono dimezzati, mentre continuano a crescere quelli nel privato. Se nel privato vengono effettuati il 35% dei ricoveri, questi costano in media al servizio sanitario regionale 4.350 euro a fronte delle 3.450 euro del pubblico. È il frutto di scelte politiche chiare operate dalla Regione guidata prima da Formigoni, poi da Maroni e oggi da Fontana.

In Lombardia, già con Formigoni, si è stabilita l'equivalenza tra la sanità pubblica e privata, all'insegna della libertà di scelta ma oggi non c'è alcuna libertà per il cittadino: c'è l'obbligo di scegliere il privato a pagamento, perché nel sistema sanitario regionale non c'è posto se non a distanza di mesi e mesi. Non è giusto e non è equo, perché chi non ce la fa a pagare l'esame o la visita nel privato è costretto ad aspettare troppo, e chi, invece, sceglie di pagare per non attendere tempi biblici, paga due volte, con le proprie tasse e poi allo sportello dell'operatore privato.

La scelta della riforma in discussione, firmata da Fontana e Moratti, è di rinforzare l'equivalenza del privato con il pubblico, senza inserire alcun elemento di governo e programmazione. In Lombardia i privati sono liberi di scegliersi le prestazioni che il servizio sanitario regionale paga meglio, come le operazioni di artrodesi per curare l'ernia alla colonna vertebrale, mentre le prestazioni più richieste vengono lasciate al pubblico, che non ce la fa a soddisfarle tutte, spingendo di nuovo le persone a prenotare, a pagamento, con i privati. Con la riforma di Moratti e Fontana questa impostazione viene ribadita e rinforzata, non certo a vantaggio dei cittadini, e noi questo non lo possiamo accettare.

Il Pd, sul rapporto tra sanità pubblica e sanità privata, ha presentato numerosi emendamenti alla legge sanitaria in discussione in Aula, chiedendo che la Regione superi l'attuale sistema di remunerazione della sanità privata accreditata e che venga data priorità ai bisogni di cura dei cittadini rispetto alle scelte di convenienza degli operatori privati.

Raffaele Straniero
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco