Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 427.870.127
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 11 novembre 2021 alle 19:04

Le pagelle di ''Eduscopio'' per gli istituti superiori del lecchese. Svettano Bachelet, Greppi, Viganò e Bertacchi

Anche quest'anno la fondazione Giovanni Agnelli ha elaborato lo studio Eduscopio che, mettendo a confronto 7500 scuole di tutta Italia con gli esiti universitari, ha tracciato una fotografia dei vari istituti e formulato anche un giudizio.
Si tratta dell'indicatore sintetico FGA che mette insieme la media dei voti e i crediti ottenuti normalizzati in una scala che va da 0 a 100, dando un peso pari al 50% ad ognuno dei due indicatori.

Per lo scientifico svetta il Bachelet di Oggiono, per il linguistico il Greppi di Monticello, per il tecnico economico il Viganò di Merate, per le scienze umane-economico sociali il Bertacchi di Lecco.

Ecco nel dettaglio il quadro degli istituti ricompresi in un raggio di 20 km prendendo come fulcro la città di Lecco.

 

 


INDIRIZZO CLASSICO
Due le scuole che assecondano la propensione degli studenti verso la carriera umanistica.

ALESSANDRO MANZONI
Indice FGA: 89.01/100
Diploma mediamente ogni anno 49 studenti.
Di questi il 92% si immatricola all'università e ha ottenuto alla maturità una votazione del 80.7. Il 4% si butta nel mondo del lavoro e il 4% non supera il primo anno di ateneo. La scelta che va per la maggiore nella carriera universitaria è quella umanistica (27%) seguita da quella economico-statistica (16.%). Clicca qui per la scheda completa

GIACOMO LEOPARDI
Indice FGA: 77.87/100
11 il numero medio di diplomati ogni anno, di cui il 77% prosegue con gli studi e ha ottenuto una votazione media alla maturità di 83.5.
Chi va all'università sceglie prevalentemente le materie umanistiche (45.2%), il 16.% quelle giuridico-politiche e il 12.9% quelle scientifiche. Clicca qui per la scheda completa

 


INDIRIZZO SCIENTIFICO
Per quanto riguarda l'indirizzo scientifico sono sei le scuole nell'arco di 20 chilometri dal capoluogo. In testa quest'anno troviamo il Bachelet di Oggiono che ha superato il Grassi, classificatosi al secondo posto, un gradino sopra l'Agnesi confermatosi medaglia d'argento.

VITTORIO BACHELET
Indice FGA: 91.74/100
49 in media gli studenti diplomati con il 92% che procede negli studi (generalmente di indirizzo tecnico - 29% - o scientifico - 27%). Il 3% abbandona la carriera universitaria dopo il primo anno mentre il 5% approda direttamente al mondo del lavoro.
80.4 la media della votazione in uscita dall'istituto per coloro che si approcciano agli atenei. Clicca qui per la scheda completa

GIOVANNI BATTISTA GRASSI
Indice FGA: 90.44/100
78 i diplomati in media ogni anno di cui il 91% prosegue negli studi (27.4% a carattere tenico, 19.5% scientifico, 17.7% economico-statistico). Il 5% abbandona dopo il primo anno. Il voto medio di maturità per coloro che hanno intrapreso la carriera universitaria è di 78.8 mentre per coloro che sono entrati nel mondo del lavoro (il 4%) è di 68.5. Clicca qui per la scheda completa

MARIA GAETANA AGNESI
Indice FGA: 90.44/100
Ben 113 gli studenti che l'istituto "sforna" ogni anno con il 92% che si iscrive a una università (il 25% ad indirizzo tecnico, il 22% scientifico, il 18% economico-statistico e l'8.7% medico). Il 5% dei diplomati opta per il mondo del lavoro con un voto medio di 80.2, più alto di coloro che invece continuano a studiare e che sono "fermi" a 78.4. Clicca qui per la scheda completa

GALILEO GALILEI
Indice FGA: 86.46/100
L'84% dei diplomati (in media 59 ogni anno) si iscrive all'università, il 9% abbandona dopo il primo anno.
Gli immatricolati scelgono per il 28.5% una carriera tecnia, il 18.2% una scientifica e il 13.3% una di tipo economico-statistico.
Per costoro il voto medio di maturità è stato di 78.4. Chi invece è entrato nel mondo del lavoro aveva una valutazione di 72.6. Clicca qui per la scheda completa

GIACOMO LEOPARDI
Indice FGA: 66.19/100
L'istituto di via Mazzucconi può contare su un numero medio di diplomati all'anno di 22, con una votazione che per coloro che si iscrivono all'università è di 76.2 mentre di coloro che vanno al lavoro è di 67.
La carriera d'ateneo è scelta dal 78% dei ragazzi, il 12% però lascia dopo il primo anno. Le facoltà più gettonate sono quelle di area economico-statistica (25%), scientifica (23.3%) e tecnica (16.7%). Clicca qui per la scheda completa


ALESSANDRO VOLTA
Indice FGA: 63.47/100
L'86%dei diplomati di questo istituto (in media 18 ogni anno) prosegue gli studi, il 9% li abbandona dopo il primo anno mentre il 5% entra direttamente nel mondo del lavoro. 74.7 la votazione alla maturità per chi va all'università, 69.3 per chi interrompe gli studi. Clicca qui per la scheda completa

 


SCIENTIFICO - SCIENZE APPLICATE
Sono 9 le scuole "mappate" da Eduscopio e trovate nell'arco dei 20 km dal capoluogo di provincia. In testa svetta un istituto di Erba, il Galileo Galilei. Primo per la provincia è il Bachelet di Oggiono, seguito dal Grassi di Lecco e dall'Agnesi di Merate. Ci sono poi Il Badoni di Lecco, il Rota di Calolziocorte e il Maria Ausiliatrice di Lecco. 

 

VITTORIO BACHELET
Indice FGA: 82.46/100
l?87% dei 36 diplomati ogni anno dall'istituto sceglie di andare all'università e generalmente opta a pari merito per un indirizzo scientifico o tecnico (29.3%). Il 3% abbandona dopo il primo anno di università mentre il 10% si butta nel mondo del lavoro (con un voto medio ottenuto alla maturità di 72.3 contro il 78.2 di coloro che hanno preferito continuare a studiare). Clicca qui per la scheda completa

GIOVAN BATTISTA GRASSI
Indice FGA: 81.10/100
Il 90% dei 55 diplomati del Grassi prosegue gli studi. Chi si immatricola all'università (il 38% sceglie un indirizzo tecnico, il 17% uno scientifico e il 13.9% uno economico statistico) ha ottenuto un voto alla maturità di 75. Il tasso di abbandono dopo il primo anno è del 6% mentre il 4 si indirizza verso il mondo del lavoro. Clicca qui per la scheda completa

MARIA GAETANA AGNESI
Indice FGA: 80.70/100
Il tasso di abbandono post diploma rappresenta l'8 per l'indirizzo scienze applicate di via dei Lodovichi. Questa fetta di studenti, uscita dalla maturità con una media di 65.3, decide di buttarsi nel mondo del lavoro. L'86% invece dei 41 diplomati in media ogni anno (con una votazione di 75.7) preferisce la carriera universitaria e il 6% la abbandona dopo il primo anno.
GLi indirizzi più gettonati sono quello tecnico (il 46.5%) seguito da quello scientifico (28.9%) e da quello economico-statistico (10.58%). Clicca qui per la scheda completa

ANTONIO BADONI
Indice FGA: 79.11/100
L'87% dei 33 diplomati in media ogni anno al Badoni scegli di andare all'università prediligendo, come intuibile, un indirizzo tecnico (44%), scientifico (24.2%) o economico-statistico (la percentuale crolla all'8.4). Costoro escono con una valutazione media di 75.6, contro il 74 di chi ha deciso di andare a lavorare e rappresenta il 6% dei diplomati. Clicca qui per la scheda completa

LORENZO ROTA
Indice FGA: 76.63/100
All'istituto di Calolziocorte si diplomano in media ogni anno 15 studenti. Il 9% opta per il mondo del lavoro, il 9% tenta la carriera universitaria ma la abbandona dopo il primo anno e l'83% continua a studiare scegliendo un indirizzo tecnico, scientifico o economico-statistico.
La media della votazione alla maturità per chi si immatricola è di 75.9 mentre per chi abbandona gli studi è del 68.5. Clicca qui per la scheda completa


MARIA AUSILIATRICE
Indice FGA: 67.37/100
Il 77% dei diplomati (15 ogni anno in media) scegli di proseguire con gli studi optando a pari merito per un indirizzo scientifico o tecnico (25.9%). Se il 13% di chi si immatricola lascia dopo il primo anno di studi, il 10% dopo il diploma si indirizza direttamente al mondo del lavoro. Clicca qui per la scheda completa

 

 



INDIRIZZO SCIENZE UMANE
Nel raggio di 20 km sono 4 gli istituti a indirizzo scienze umane tra cui scegliere, mappati da Eduscopio. Il "migliore" è il Carlo Porta di Como. Per la nostra provincia il primo posto è occupato dal Greppi di Monticello, seguito dal Rota di Calolziocorte e dal Bertacchi di Lecco.

ALESSANDRO GREPPI
Indice FGA: 74.77/100
Sono 61 i diplomati all'incirca ogni anno: 78 la media all'esame di maturità per coloro che poi proseguono negli studi (l'84% e il 4% che abbandona dopo il primo anno) e 75.2 per coloro che invece vanno a lavorare e che rappresentano il 12%. La carriera universitaria viene prediletta per l'indirizzo umanistico (40.1%), seguita dal sociale (19.8%) e da quello giuridico-politico (12.3). Clicca qui per la scheda completa

LORENZO ROTA
Indice FGA: 74.25/100
Il tasso di abbandono post diploma raggiunge il 19% dei 21 diplomati al Rota. L'81% decide di proseguire con gli studi (avendo ottenuto alla maturità un voto medio di 76.9) e predilige tre indirizzi: umanistico (64.7%), sociale (29.4), tecnico (5.9). Clicca qui per la scheda completa

GIOVANNI BERTACCHI
Indice FGA: 74.06/100
Ben 67 i diplomati sfornati ogni anno dall'istituto di via XI febbraio.
Di costoro l'81% prosegue con gli studi (voto medio alla maturità di 74.6) mentre il 12% entra nel mondo del lavoro (voto medio alla maturità di 69.5). Il 7% tenta la carriera accademica ma la abbandona dopo il primo anno. L'indirizzo universitario che viene prediletto è quello umanistico, seguito da quello sociale e dalle professioni in ambito sanitario. Clicca qui per la scheda completa

 

 



SCIENZE UMANE - ECONOMICO SOCIALE
Sono 4 le scuole ricomprese nella distanza interessata. Svetta il Carlo Porta di Erba seguito dal Bertacchi, dal Greppi e dal Maria Ausiliatrice.

GIOVANNI BERTACCHI
Indice FGA: 66.77/100
Se la carriera umanistica è scelta dal 30% degli studenti che decidono di immatricolarsi dopo il diploma (pari al 78% cui si aggiunge il 5% che lascia dopo il primo anno), il mondo del lavoro è abbracciato subito dopo la maturità dal 18% dei ragazzi.
Uno scarto di quasi quattro punti il voto medio tra chi si ferma (70.1) e chi invece va avanti con gli studi (73.7) Clicca qui per la scheda completa

ALESSANDRO GREPPI
Indice FGA: 64.94/100
Ci sono ben 12 punti di scarto nel voto di maturità tra chi prosegue negli studi e chi invece va a lavorare. Gli immatricolati in ateneo hanno alle spalle una votazione di 75.3 contro il 63 di coloro che abbandonano la scuola.
E' l'80% a scegliere la carriera accademica con una preferenza per le materie economico-statistiche (35.5%), giudirico-politiche (29%), sociali (22.6%). 17 in media il numero dei diplomati sfornati ogni anno. Clicca qui per la scheda completa

MARIA AUSILIATRICE
Indice FGA: 51.63/100
L'80% dei 21 diplomati opta per proseguire gli studi in campo umanistico (42%), economico-statistico (17.5%), sociale (15.8%). L'8% abbandona l'università dopo il primo anno mentre il 12% si indirizza direttamente al mondo del lavoro.
Le performance al diploma sono molto simili: 76.4 per chi prosegue negli studi, 75.6 per chi abbandona. Clicca qui per la scheda completa




INDIRIZZO LINGUISTICO
Sono sette le scuole messe sotto la lente di Eduscopio, di cui cinque in provincia di Lecco: Greppi, Bachelet, Manzoni, Agnesi e Parini.

 

ALESSANDRO GREPPI
Indice FGA: 77.51/100
Guida la classifica con 79 diplomati all'incirca ogni anno. Di questi l'81%, che ha ottenuto una media alla maturità di 82.6, prosegue con gli studi prediligendo un indirizzo umanistico (49%), sociale (16.2%), scientifico (10.8%). Il 5% abbandona dopo il primo anno di ateneo mentre il 14%, che è uscito dalle superiori con una media di 78.7, si introduce al mondo del lavoro. Clicca qui per la scheda completa

VITTORIO BACHELET
Indice FGA: 73.64/100
C'è uno scarto di 9 punti alla maturità tra coloro che decidono di andare avanti con gli studi (l'82%, con una votazione di 80.2) e coloro che invece si indirizzano al mondo del lavoro (16% e votazione di 71.5). C'è da aggiungere anche un 2% che abbandona l'università dopo il primo anno.
In ateneo il corso di studi preferito è quello umanistico (57.3%) seguito con grande distacco da quello economico-statistico (13.6) e giudirico politico (8.7%). Clicca qui per la scheda completa

ALESSANDRO MANZONI
Indice FGA: 73.56/100
Ben 92 i diplomati ogni anno al Manzoni. Il 77% si indirizza verso l'università (principalmente a carattere umanistico), il 5% abbandona dopo il primo anno e il 18% opta per il mondo del lavoro. La media alla maturità è del 79.9 per chi prosegue negli studi e del 73.4 per chi invece abbandona. Clicca qui per la scheda completa


MARIA GAETANA AGNESI
Indice FGA: 70.07/100
All'istituto di via dei Lodovichi in questo indirizzo si diplomano mediamente ogni anno 48 ragazzi. Di Costoro l'86% si avvia verso l'università (il 40.5% di tipo umanistico, il 15.3% di tipo sociale e il 13.7% di tipo economico statistico), il 5% abbandona dopo il primo anno e il 10% va direttamente a lavorare. Clicca qui per la scheda completa


GIUSEPPE PARINI
Indice FGA: 58.72/100
L'istituto di Barzanò conta una quindicina di diplomati all'anno. Di costoro il 33% si indirizza verso il mondo del lavoro (con una votazione media alla maturità di 77.3). La restante parte scegli la carriera universitaria: il 60% con preferenza umanistica, giuridico-politica e sociale, e una votazione alla maturità di 79.4 e il 6% abbandona dopo il primo anno. Clicca qui per la scheda completa

 

 


INDIRIZZO ARTISTICO
Sono solo due le scuole a cui è stata data una valutazione: il Medardo Rosso di Lecco e il Gandhi di Besana brianza.

MEDARDO ROSSO
Indice FGA: 73.11/100
Ci sono ben 84 diplomati ogni anno e la proporzione di coloro che proseguono negli studi e coloro che abbandonano è equivalente ed è pari al 47%. Va aggiunto un 6% che ci prova ma che abbandona dopo il primo anno.
La media alla maturità di coloro che si immatricolano è di 75.9 mentre per coloro che si buttano nel mondo del lavoro è 72.
All'università viene scelto di preferenza l'indirizzo umanistico (38.1%) seguito da quello tecnico (35.1) e da quello sociale, distanziato di netto (9%). Clicca qui per la scheda completa

 

 



INDIRIZZO TECNICO-ECONOMICO
Sono sei le scuole a cui sono stati dati i voti da Eduscopio. In testa troviamo il Viganò seguito dal Bachelet, dal Rota e dal Parini per quanto riguarda la provincia di Lecco.

 

FRANCESCO VIGANO'
Indice FGA: 68.33/100
4 diplomati su 10 optano per il mondo del lavoro, introducendosi con una votazione alla maturità di 71.4 contro il 78.8 di coloro che vanno all'università e che rappresentano il 59% cui si aggiunge il 2% che abbandona dopo il primo anno.
93 in totale coloro che terminano il quinto anno di scuola superiore. Clicca qui per la scheda completa

VITTORIO BACHELET
Indice FGA: 65.60/100
37 in media i diplomati. La maggior parte si indirizza direttamente a cercare una occupazione (49% e una votazione di 70.5 alla maturità). Il 47%, uscito dalle superiori con un 78.3 di media, opta per l'università prediligendo per il 70% un indirizzo economico-statistico. Il 4% abbandona dopo il primo anno accademico. Clicca qui per la scheda completa

LORENZO ROTA
Indice FGA: 63.20/100
Poco più della metà di coloro che si diploma, in media 25 studenti l'anno, passa direttamente al mondo del lavoro (con un voto alla maturità di 70.3). Il 45% prosegue negli studi con una predilezione per l'indirizzo economico-statistico (57.9%) mentre il 4% abbandona dopo il primo anno. Clicca qui per la scheda completa

GIUSEPPE PARINI
Indice FGA: 59.13/100
Il 48% dei 152 diplomati (con una media alla maturità che va da 76.2 per chi prosegue gli studi a 70.4 per chi li abbandona) del Parini si butta nel mondo del lavoro, il 45% scegli l'università e il 7% la abbandona quasi subito.
In ateneo l'indirizzo che va per la maggiore è quello economico-statistico seguito da quello umanistico e sociale. Clicca qui per la scheda completa

 

 


INDIRIZZO TECNICO-TECNOLOGICO
Di nove scuola, solo di quattro sono disponibili dati utili alla ricerca.


ALESSANDRO GREPPI
Indice FGA: 75.19/100
Sono 56 mediamente gli studenti che si diplomano nella scuola di Monticello. Fra loro il 61% si iscrive all'università e alla maturità ha ottenuto una votazione media di 75.4. Il 33% invece inizia a lavorare, mentre i 6% si iscrive all'università ma non supera il primo anno. Tra quelli che scelgono di continuare gli studi in un'università, il 40,2% sceglie l'Università di Milano Biccocca, il 27,7% il Politecnico di Milano e il 25% l'Università degli Studi di Milano. Il 53,6% in generale continua in ambito scientifico. Clicca qui per la scheda completa

ANTONIO BADONI
Indice FGA: 67.76/100
Ben 184 gli studenti diplomati ogni anno. Fra loro però solo il 52% decide di immatricolarsi all'università. Il 42% si affaccia sul mondo del lavoro, mentre il 6% non supera il primo anno all'università. Gli studenti che proseguono negli studi prediligono l'area tecnica: il 70,3%. Il 17,5% invece prosegue gli studi in area scientifica, solo il 4,7% sceglie l'area economico-statistica. Il 63,1% dei diplomati che continuano a studiare sceglie il Politecnico di Milano. Clicca qui per la scheda completa

FRANCESCO VIGANO'
Indice FGA 59.41/100
L'istituto meratese diploma mediamente ogni anno 44 studenti, il 64% dei quali sceglie di non immatricolarsi in nessuna università. Il 6% ci prova, ma non supera il primo anno, mentre il 30% prosegue regolarmente. Il 63,8% di quelli che continuano a studiare si indirizzano nell'area scientifica, il 14,9% prosegue nell'area tecnica, mentre il 12,8% si butta in materie sociali. L'Università di Milano Bicocca accoglie il 59,6% degli studenti che si immatricolano all'università. Clicca qui per la scheda completa

LORENZO ROTA
Indice FGA 59,01/100
Sono 27 gli studenti che mediamente si diplomano nell'istituto di Calolziocorte e solo il 35% di loro si immatricola in un'università. Il 59% invece sceglie di buttarsi subito nel mondo del lavoro. Fra quelli che scelgono di continuare a studiare, il 44,1% prosegue nell'area tecnica, il 17,6% sceglie l'area sociale, il 14,7% l'area economico-statistica e la stessa percentuale sceglie l'area scientifica. Il 35,3% degli studenti che decidono di continuare a studiare scelgono di farlo presso l'Università degli Studi di Bergamo. Clicca qui per la scheda completa

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco