• Sei il visitatore n° 485.037.656
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 18 ottobre 2021 alle 11:26

Le identità

Gentile Direttore.

Quanto accaduto il nove ottobre scorso ha reso palpabile le analisi e i timori che le forze democratiche hanno espresso da tempo, ovvero il radicamento nella società dei neo fascisti. Utilizzo il sostantivo "neo" perché non rischiamo il ritorno del fascismo suicidatosi il 25 luglio 1943, nemmeno la violenta coda repubblichina di Salò assoggetta al regime nazista, sconfitta dai Partigiani il 25 aprile 1945. Dal dopo guerra si sono costituite forze reazionarie appunto "neo fasciste" illegali sotto il profilo costituzionale, ma tollerate e spesso utilizzate dai vari governi susseguitisi negli anni, questa accozzaglia di gruppuscoli facevano capo all'MSI Partito presente in Parlamento dal 1953 che aveva nel simbolo la fiamma tricolore con alla base la bara stilizzata di Mussolini.

La linea politica, se vogliamo definire tale questa totale confusione e incoerenza populista, ha da sempre cavalcato il disagio sociale perseguendo il rifiuto della democrazia e del buon senso; non mi soffermo sulle collusioni coi servizi segreti e sulle stragi di Stato, ne scrissi più volte su queste pagine. Nel nostro paese non si sono MAI fatti i conti col passato, a cominciare con la nefasta amnistia Togliatti, "pacificazione nazionale" stupidamente chiesta a Draghi da Grillo e Salvini, il primo responsabile dell'istupidimento di molti soggetti, il secondo che ha buttato benzina sul fuoco del disagio, cacciando i migranti nella fossa comune del Mediterraneo, negando la pericolosità del covid sconsigliando urbi et orbi l'uso di mascherine, ometto le altre numerose nefandezze di little Trump.

Ma non dimentico certo sorella Giorgia, impegnata a riverniciare il muro della destra senza grattare i vari stati di marciume creatisi negli anni, ha mandato alle stampe un libruncolo infarcito di luoghi comuni con alcune "perle" come sostenere che le camicie nere di Mussolini sono nate dopo le camicie brune di Hitler, almeno un minimo di cultura! Le prime si sono costituite nel 1919 le seconde nel 1921 poi rifondate nel !924, (Mussolini era al potere da due anni), la disonestà di non definirsi neo fascista, l'utilizzo dei vari gruppuscoli fiancheggiatori, salvo poi scaricarli, fingendo addirittura di non sapere che le squadracce di Fiore hanno il covo nei locali di propietà di una fondazione di FDI. Inoltre finge di non sapere che VOX che l'ha accolta e applaudita come leader della destra europea, altro non è che una forza di ispirazione Franchista.

Onestamente provo un forte disagio ad ammettere che la devastazione alla sede della CGIL sia stata aiutata dalle forze dell'ordine, sopra tutto per incapacità e insipienza. Credo che il prefetto di Roma e la Ministra Lamorgese debbano dimettersi, non posso però non ricordare gli assalti operati per anni da Polizia e Carabinieri contro la popolazione della Val Susa rea di difendere il proprio territorio da una assurda devastazione.

L'immensa manifestazione di popolo realizzata sabato scorso è di fatto la dimostrazione che esiste un popolo formato da persone per bene che vogliono testimoniare che la Costituzione esiste e va difesa contro tutti i reverberi fascitizzanti.

Super Mario, oltre alla dovuta solidarietà si deve seriamente operare per la messa fuorilegge delle forze che si richiamano al fascismo, non bastano i bla bla bla.

Grazie per l'attenzione,

Fulvio Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco