Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 428.283.854
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 12 ottobre 2021 alle 10:14

12 ottobre 2020, ore 20, mani ignote incendiano due auto di giornalisti. Un anno dopo zero risultati e archiviazione

Un anno fa, il 12 ottobre 2020 alle ore 20 - inquietante questa sequenza - mani ignote, rimaste tali, hanno dato alle fiamme due auto di giornalisti di questo network. Ne sono seguiti estenuanti interrogatori delle vittime e dei loro famigliari, intercettazioni telefoniche su utenze delle vittime stesse e una attività investigativa che ha dato zero risultati.

Avevo scritto che se nelle 48 ore successive nulla fosse emerso gli incendiari sarebbero rimasti sconosciuti. Ci furono battute su questa affermazioni definita da telefilm e invece la realtà l'ha confermata.

Non parlerò dell'attività investigativa. E nemmeno della drammatica situazione in cui versa la Procura della Repubblica di Lecco che ha visto il fascicolo transitare da un Pm all'altro fino all'ultimo che ne ha chiesto l'archiviazione.

La fiducia è già a un livello bassissimo per infierire.

Mi limito a riscontrare la grande differenza di comportamento tra le Autorità civili e quelli militari più in generale rappresentanti delle forze dell'ordine. In un anno mentre tutti i sindaci della Brianza meratese-casatese hanno inviato per iscritto la loro solidarietà per il gravissimo attentato all'informazione libera nessun esponente delle forze dell'ordine locale o provinciale si è sentito in dovere di fare almeno una telefonata di cortesia, giusto per sapere se si fossero verificati altri fatti preoccupanti.

Un disinteresse che lascia senza parole nonostante che l'incendio alle due autovetture sia stato il fatto più grave sinora accaduto, ben più grave di qualche minaccia scritta ad altri valenti colleghi. Qui si è passati alle vie di fatto.

E nonostante ciò siamo stati abbandonati a noi stessi. Ignorati.

E pensare che S.E. il Prefetto è stato a lungo un collega e ben conosce quindi le difficoltà a muoversi in un ambiente ristretto, spesso ostile per il solo fatto di scrivere cose non gradite.

Si va avanti.

Ora sarà un Gip a decidere se archiviare o meno la vicenda. Se deciderà di prorogare le indagini dovrà però affidarle a altri investigatori. Più attrezzati ad affrontare attentati di matrice politico-mafiosa.

Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco