Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 428.623.252
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 26 settembre 2021 alle 18:42

Olgiate rinasce: l’Avv. Francesco Cogliati, volto nuovo in lista con a cuore l’ambiente

31 anni, Francesco Cogliati è uno dei volti nuovi della lista "Olgiate Rinasce - Bernocco sindaco". Figlio d'arte sia per la professione che per la passione politica (il papà è l'avvocato Renato Cogliati, già sindaco di Olgiate negli anni 1983-1988 e successivamente Consigliere provinciale a Como) ha deciso di impegnarsi perché vuole dare il contributo per la sua comunità. E lo vuole fare partendo dall'ambiente, uno dei temi che ha particolarmente a cuore e che lo vedono già da diversi anni impegnato come volontario, avendo raggiunto anche la qualifica di guardia ittica provinciale nonchè del Comune di Brivio.

L'avvocato Francesco Cogliati



Avvocato Cogliati, mancano pochi giorni al silenzio elettorale, abbandoniamo qualche formalità e passiamo al tu per questa intervista che vuole essere schietta e genuina?

Certamente, con piacere.



Oggi è difficile trovare qualcuno che abbia voglia di impegnarsi: lo sanno bene le associazioni sempre alla ricerca di volontari ma lo sanno bene anche le compagini politiche che con non poca fatica riescono a unire una squadra. Cosa ti ha spinto a impegnarti per il tuo paese dove il papà, l'avvocato Renato Cogliati, è stato anche sindaco e Consigliere provinciale a Como?

Ho sempre pensato che mettersi in gioco e dedicarsi alla comunità sia una grande opportunità e un dovere per tutti coloro che credono di aver qualcosa da offrire agli altri, sia che si tratti di nuove idee o, semplicemente, della volontà di impegnarsi per il sociale. Nel mio caso, la possibilità di mettere a disposizione degli olgiatesi le mie conoscenze (giuridiche e non) oltre alla mia esperienza personale e professionale mi rende orgoglioso, come persona e come cittadino.    



Quali sono i tuoi impegni e i tuoi interessi al di fuori della professione forense?

Da molti anni sono appassionato di sport, soprattutto bici e allenamento a corpo libero, che considero entrambe le mie personali valvole di sfogo e che mi consentono di stare sempre a contatto con la natura; la natura è, infatti, la mia seconda "passione". Da sempre sono attratto dalle tematiche connesse alla tutela degli ambienti naturali, sostenibilità e conservazione delle biodiversità. Questo mi ha spinto a diventare guardia ittica, ovvero una figura frontale d'intervento che si occupa del controllo e della salvaguardia delle nostre acque, dai torrenti ai grandi laghi, operante su tutta la provincia di Lecco.  




Hai vissuto prima persona, come guardia ittica, il problema della moria di pesci nell'Adda. L'ambiente è un tema che hai particolarmente a cuore e anche a Olgiate ci sono molti spazi sui cui lavorare a tutela del patrimonio (dall'amianto, alla green way, al recupero  del patrimonio edilizio esistente nell'ottica del consumo di suolo zero). C'è qualcosa su cui ti piacerebbe concentrarti?  

Nel breve arco di un anno ho assistito impotentemente, con estrema tristezza ed amarezza, due importanti morie di fauna ittica sul nostro territorio ovvero quella che ha interessato il lago di Sartirana nell'anno 2020 e quella avvenuta alle stoppate di Brivio e Villa d'Adda nella primavera del 2021. Questi eventi drammatici, oltre a spronarmi nel mio impegno come guardia ittica, mi hanno fatto ancor più riflettere sulla necessità di porre le tematiche di tutela degli ambienti naturali e del nostro territorio al centro dell'attenzione di tutti, nell'ottica di conservare e preservare l'ambiente in cui viviamo quale unica nostra vera casa. In quest'ottica e con questo spirito vorrei concentrarmi sul tema ambiente a 360 gradi, dalla riduzione del consumo di suolo al recupero delle aree boschive, dalla salvaguardia delle nostre bellezze naturali alle riduzione delle problematiche connesse all'inquinamento, dalla promozione della mobilità sostenibile alle iniziative sociali che favoriscano il recupero del territorio. In quest'ultimo caso, favorendo soprattutto i giovani che abbiano interesse a intraprendere attività connesse all'utilizzo delle risorse naturali, soprattutto in ambito agricolo e agroalimentare a chilometro zero, e che si facciano portatori di progetti innovativi di sfruttamento sostenibile del territorio.    



Di questa campagna elettorale che si va concludendo cosa ti porterai a casa come bagaglio culturale e umano?  

Grazie a questa campagna elettorale che ci ha visto principalmente a contatto con i cittadini, ho potuto ulteriormente rendermi conto di quanto sia fondamentale ascoltare le persone e comprenderne i problemi e le preoccupazioni, raccogliendone anche i consigli. Ciascuno di noi infatti ha la propria storia e le proprie necessità; dedicarsi ad una comunità comporta, in primo luogo, interfacciarsi con tutti ed essere sempre disponibile all'ascolto e al dialogo e in questo Giovanni (Bernocco) è, per me, certamente il miglior esempio da seguire.    



L'avvocato Renato Cogliati con il figlio Francesco che ha seguito le sue orme


C'è una persona a cui ti ispiri e che vorresti prendere a esempio? 

Non ho mai creduto nei "miti" o nelle figure di riferimento. Credo invece nel lavoro su se stessi nel quotidiano tentativo di migliorarsi, in un'ottica di crescita e di realizzazione personale. In questo percorso, ritengo si debba prendere ispirazione da tutte le persone positive che ci circondano cogliendo, da ciascuno, quanto di meglio hanno da offrire.  



Sei giovane, con un futuro lavorativo  davanti  lungo ma che potrà essere appagante non solo per le soddisfazioni personali. Cosa vorresti dire a un tuo coetaneo  che si affaccia alla  poltica, intesa come attenzione al bene comune e al proprio paese? Perché impegnarsi? E a un "anziano" più navigato, cosa vorresti raccontare di questa tua  voglia di fare? 

Ad un giovane direi che la possibilità di mettersi in gioco e partecipare attivamente al bene comune è una grande opportunità da non sprecare, in quanto figlia del tempo storico in cui viviamo e di cui dobbiamo essere grati. Chiunque infatti abbia buone idee e voglia di fare può concorrere attivamente a migliorare la nostra comunità, ciò senza alcun limite, nel vero senso e scopo della nostra democrazia costituzionale. Ad un "anziano" navigato, vorrei far comprendere invece il grande entusiasmo che caratterizza i giovani, soprattutto nelle tematiche più innovative, nel tentativo di raccogliere qualche suggerimento, dettato dall'esperienza, che possa aiutare nella realizzazione delle nostre idee.  



Se fossi tu il candidato sindaco, quali sarebbero le opere che privilegeresti?  
Giovanni (Bernocco) ha dato grande prova di essere all'altezza di tutte le sfide che questi cinque anni si sono presentate e di comprendere e far fronte compiutamente alle esigenze della cittadinanza, così come il resto della Giunta che ha sempre ben operato; pertanto, non riesco assolutamente a pormi in tale prospettiva. Certamente, qualora fossi eletto consigliere, sarà mio impegno sottoporre al Sindaco, alla Giunta e all'intera amministrazione le mie personali proposte e progetti che riterrò di interesse collettivo. 
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco