Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.226.450
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 25 settembre 2021 alle 12:19

Merate: nuovi sodalizi e atleti dell’anno in Aula. Perego chiede del Parchetto di Cassina

Non è durata più di 45 minuti la seduta della commissione sport e tempo libero che si è riunita in municipio nel tardo pomeriggio di ieri, venerdì 24 settembre. Non al completo però, a mancare all’appello erano la presidente della commissione, la consigliera Norma Maggioni, e il vicepresidente, il consigliere Gino del Boca. Presenti: l'assessore con delega allo sport Alfredo Casaletto, Greta Ghezzi, Fabio Tamandi , Roberto Perego (minoranza), Aldo Castelli (minoranza) e Paolo Centemero. La seduta consiliare si è aperta affrontando il secondo punto all’ordine del giorno - subito dopo l’approvazione del verbale della seduta precedente - ossia la presa in esame di due nuove richieste di iscrizione nel registro delle associazioni, entrambe approvate. A trattare il punto è stato Fabio Tamandi che ha comunicato che la prima richiesta è arrivata dall’associazione AS Merate Gym, attiva dal 2014, “costola” dell’AS Merate dopo essersi staccata dalla Libertas. Ad oggi conta più di 150 atleti e atlete di ginnastica artistica che si allenano sia nella palestra della scuola elementare di Robbiate sia in quella dell’Agnesi di Merate, e forse inizieranno anche in quella dell’I.T. Viganò. 


L'assessore Alfredo Casaletto e Fabio Tamandi
La seconda invece, fresca del luglio dello scorso anno, che ha chiesto l’ammissione, è l’AS NovaDanza Merate, che si occupa per l’appunto di corsi di danza (classica, moderna, hip-hop) ma propone anche corsi di motricità, che ha sede in via Bergamo, a Merate, con un collettivo di circa 100/120 allievi. 

Si è poi passati a parlare di premiazioni e atleti “modello” in merito al tradizionale premio che l’amministrazione ogni anno riserva a atleti particolarmente meritevoli per i successi ottenuti in ambito sportivo. Quest’anno è pervenuto un solo nome, ha spiegato l’assessore con delega allo sport Alfredo Casaletto, quello della ginnasta Silvia Riva, classe 1996, distintasi per i traguardi ottenuti nel corso della sua carriera fra cui compare un terzo posto a Rimini. Questo unito al fatto che ha eccelso nel portare avanti i risultati sportivi con gli impegni universitari diventando un esempio per le atlete e gli atleti più piccoli di lei. Casaletto ha poi proposto un secondo nome, sempre femminile, che ha reputato altrettanto valido da candidare: quello della velista Sara Savelli, appena maggiorenne, ma che ha già collezionato diversi titoli nella sua disciplina tra cui anche un bronzo al mondiale giovanile ILCA 6. “Mi piace l’idea di poter premiare due ragazze in un momento storico particolare. Credo si possa quest’anno attribuire un premio a entrambe” il commento dell’assessore. 


I consiglieri di minoranza Roberto Perego e Aldo Castelli
È emersa invece qualche obiezione in merito alla trattazione del terzo punto per l’adesione al bando regionale “Sport Outdoor”, un finanziamento a fondo perduto di Regione Lombardia per la promozione di nuovi modelli di pratica sportiva all’aperto che prevede due linee di intervento: la linea 1, tramite installazione di attrezzatura sportiva accessibile a soggetti con disabilità, quali installazioni e circuiti skyfitness. E la linea 2 che prevede invece la creazione di aree playground dedicate agli sport outdoor. Per ottenere il finanziamento, ha tenuto a precisare l’assessore Casaletto, è necessario il coinvolgimento delle associazioni sportive del territorio, che provvederanno alla gestione, conservazione e alla verifica della manutenzione delle attrezzature del parco in stretta sinergia con l’ente comunale. Un onere importante infatti, come ha fatto notare Roberto Perego, che a suo dire porta all’attenzione oltre che alla metodologia di gestione dell’area, anche un altro tema, quello della vigilanza, visto che il parco attualmente non è dotato di alcuna recinzione e l'augurio del consigliere è stato proprio quello che una volta realizzato l’impianto non vengano poi danneggiate le attrezzature. “È un progetto molto bello e ambizioso ma non si può pensare a una gestione solo da parte delle associazioni” ha commentato Perego. Dunque l’assessore Casaletto ha provato a fornire qualche rassicurazione, “è un atto di fiducia nei confronti della cittadinanza - ha esordito - è chiaro che dove non arriveranno le associazioni interverrà il comune”. Ad oggi l’amministrazione ha provveduto a informare tutte le associazioni interessate a stipulare l’accordo per una gestione in sinergia con il comune di questo nuovo parco sportivo all'aperto, la cui area individuata per la realizzazione è quella di via Allende, in località Vedù. Il termine per la presentazione della volontà di adesione all’accordo è fissato a lunedì 27 settembre, e fino ad ora è giunta una sola manifestazione di interesse. Attualmente si ha soltanto un progetto di fattibilità economica dell’impianto, che solo una volta pervenute tutte le adesioni verrà inviato a Regione Lombardia. 



Terminata la trattazione di questo punto, si è discusso brevemente di un altro aspetto, sollevato sempre dal consigliere Roberto Perego, questa volta in merito alla questione parchetto di Cassina, in cui vi è il campetto da basket/pallavolo, che pare recare parecchio disturbo al complesso di abitazioni prospicienti ad esso. A non aver aiutato, come ha fatto notare il consigliere Perego, era stata infatti una variazione approvata al progetto iniziale, che era costata la realizzazione del campo da basket ancora più vicino ai complessi residenziali. In ogni caso la soluzione, citata dall’assessore con delega allo sport, pare essere in primo luogo quella di ovviare al rumore dei palleggi con pannelli fonoassorbenti. “È un tema di cui si sta già discutendo in giunta, capiamo il disagio ma si tratta anche di un luogo dove i ragazzi vanno a socializzare. Capite che non è semplice pensare di sottrarre un’area sportiva e attrezzarla diversamente”. Sembra dunque che sia emersa anche l’ipotesi di individuare un'altra area che possa accogliere il campetto di basket/calcio di modo da rendere più “tranquillo” il parchetto di Cassina.

Ultima novità, è l’organizzazione di una giornata dedicata allo sport, che con molta probabilità si terrà il 10 di ottobre, questo per dare un segnale alla città e permettere alle associazioni di presentare le proprie attività. “Una manifestazione che di solito si svolgeva a chiusura della stagione sportiva ma che per ovvie ragioni quest’anno abbiamo pensato di proporla all’inizio. E per ora hanno manifestato il proprio interesse circa una quindicina di associazioni” ha comunicato l’assessore Casaletto.
F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco