Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.225.169
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 23 settembre 2021 alle 18:29

Cernusco: al Comprensivo difficile ripresa scolastica, mancano 16 docenti di sostegno

L'interno della secondaria di primo grado "G. Verga"
L’avvio dell’anno scolastico all’Istituto comprensivo di Cernusco Lombardone è avvenuto non senza disagi per le famiglie. I quattro plessi della primaria e la secondaria di primo grado hanno ancora un orario scolastico ridotto alla sola mattinata. Le attese erano ben diverse, stando alle prime comunicazioni che parlavano di un calendario completo fin da subito. La carenza di personale ha obbligato l’IC a ridurre le ore alla sola mattina, con il servizio mensa che di conseguenza non è ancora partito. In questa fase la dirigenza ha le mani legate e non può procedere autonomamente attingendo dalle “messe a disposizione”. Bisogna attendere le nomine legate alla rete provinciale dell’Ufficio Scolastico Territoriale (l’ex Provveditorato). Più che mandare solleciti all’UST e all’USR (Ufficio Scolastico Regionale) – come è stato fatto – la dirigente non ha facoltà di intervenire.

Il problema principale riguarda il reperimento degli insegnanti di sostegno. Una condizione che ha creato sdegno nella popolazione scolastica cernuschese. Non è certo il trattamento che ci si attende nell’Istituto che è sede della Scuola Polo per l’inclusione della Provincia di Lecco, del Centro Territoriale di Supporto e dello Sportello Autismo. La situazione più preoccupante è alla “G. Rodari” di Cernusco Lombardone, dove attualmente ci sono solo due docenti di sostegno e ne mancano all’appello ben nove. In tutti e quattro i plessi (quindi vanno aggiunte le primarie di Lomagna, Montevecchia e Osnago) ne mancano complessivamente 16 rispetto al contingente assegnato di diritto, che difficilmente corrisponde alle reali esigenze di fatto. Il rapporto docente/alunno in questi casi è di 1 a 1 e il personale in servizio, grazie al supporto degli educatori mandati dai Comuni, sta facendo i salti mortali per garantire l’accesso e il diritto allo studio a tutti i bambini.

La situazione dovrebbe migliorare dalla prossima settimana. Sul fronte delle elementari, le nomine sono già state fatte, con delle risposte positive da parte dei docenti sufficienti a colmare le lacune. Dunque da lunedì 27 settembre si entrerà finalmente a regime con l’orario prolungato o pieno, a seconda dei plessi, e con l’avvio del servizio mensa.

Più incerto è invece il caso della scuola media “G. Verga” di Moscoro. Per le secondarie di primo grado le nomine devono ancora essere fatte. Avverranno settimana prossima, poi i docenti nominati dovranno comunicare di accettare o meno. Un iter che probabilmente non porterà a risolvere la situazione prima degli inizi di ottobre.
Marco Pessina
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco