Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 428.672.510
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Sabato 18 settembre 2021 alle 18:24

Paderno: allo Stallazzo la ''vita lieve'' di Sergio Perego, una mostra fotografica e documentale per raccontare e non dimenticare

Sergio era una persona "lieve", di quelle che non si arrabbiavano mai, che potevi anche trattare in maniera un po' brusca (come quando ti faceva le fotografie in fotocopia) ma eri certo che con la sua simpatia e la sua bontà ti avrebbe fatto presto pentire di essere stato scostante.

Sergio amava la natura, il territorio dove viveva, la gente di cui si era circondato e che rappresentava il suo mondo e che lui dipingeva negli articoli di "colore" che scriveva con parole semplici ma efficaci.

 

Il sindaco Gianpaolo Torchio con la moglie di Sergio e le figlie

Oggi Sergio avrebbe apprezzato tantissimo la mostra di materiale fotografico e documentale che la sua famiglia e gli amici hanno raccolto frugando tra i suoi appunti, le sue borse, i suoi scatoloni per trovare una sintesi e raccontare di lui a tutti coloro che, passando dallo Stallazzo, nei prossimi giorni troveranno le pareti delle sale al piano superiore tappezzate di immagini di vita famigliare, sociale, pubblica.




Ad inaugurarla erano in tanti questa mattina: la moglie Marinella, con le figlie e i nipoti, gli amici dei vari mondi che Sergio ha "bazzicato", dalla politica alla cultura al sociale all'arte.
A raccontare l'amico che lo ha sostenuto facendogli da spalla e da consigliere durante i mesi che hanno preceduto la sua elezione, è stato il sindaco di Paderno Gianpaolo Torchio che lo ha paragonato a Perseo, personaggio mitologico che era in grado di volare sui suoi sandali alati e preso ad esempio per la sua capacità di essere leggero. "Sergio ci è venuto in soccorso tante volte facendoci guardare le cose con uno sguardo profondamente fiducioso.

 

Floria Galbusera ha invece raccontato Sergio partendo dalla sua difficile infanzia segnata dalla morte prematura e improvvisa del padre, fatta di stenti e di un percorso in salita, culminato con l'amore della sua vita, Marinella, colei che gli ha permesso di realizzare i suoi sogni.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

La mostra "La vita lieve" rimarrà visitabile nei locali dello Stallazzo, dalle 10 alle 18 sino al 3 ottobre e poi sarà allestita a cascina Maria di Paderno d'Adda.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco