Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 460.221.649
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Domenica 08 agosto 2021 alle 15:40

Montevecchia: Antonella Ruggiero canta dalla cima del colle. Voce e panorama mozzafiato. Chiude l'Ave Maria di De Andrè


Anche il maltempo ha dovuto battere in ritirata e lasciare spazio alla voce di Antonella Ruggiero che dalla spianata di cascina Butto ha offerto al pubblico un concerto mozzafiato così come il panorama incorniciato da un cielo plumbeo ma rispettoso dell'evento davvero unico.





La cantante montevecchina ha giocato in casa e, consapevole della location speciale dove avrebbe interpretato i brani del viaggio nel tempo e nello spazio attraverso la musica sacra, ha usato una delicatezza e una passione che non sono sfuggite al pubblico.


Accompagnata dai musicisti Marco e Roberto Colombo, la cantante non si è risparmiata e in un'ora e mezza ha toccato i diversi punti del pianeta, con la sua voce penetrante che ha lasciato tutti senza fiato.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


Realizzato in collaborazione con il parco del Curone, "Sacrarmonia" si legge nella presentazione è "un mosaico fitto di segnali e di stimoli intelligenti, un viaggio nel tempo e nello spazio attraverso la musica sacra di tutto il mondo, un'ideale colonna sonora dell'anima...un progetto disegnato e realizzato da Antonella Ruggiero in oltre cento chiese e teatri d'Europa e in un album prezioso. Un programma che perlustra territori e materiali carichi di storia, fascino e potere evocativo, un indizio preciso per leggere il nuovo millennio guardando e indagando tra i tesori nascosti in ciò che ci trascende".





L'AVE MARIA DI DE ANDRE'






E cosa c'era di più evocativo della sommità del colle (di più "impagabile" per usare le parole dell'artista) per elevare un inno al Cielo e raccontare l'armonia, la pace, la bellezza del Creato?
Antonella Ruggiero lo ha fatto con la sua voce e le note che l'hanno accompagnata e che si sono sentite ben oltre i confini di cascina Butto, lasciando un'eco che Montevecchia mai dimenticherà.

A chiudere l'evento il "bis" che l'artista ha voluto interpretare con l'Ave Maria di Fabrizio De Andrè.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco