• Sei il visitatore n° 495.678.303
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 23 luglio 2021 alle 14:02

Cernusco: serata sul trasporto ferroviario. La 'Stazione in movimento' il 18 settembre



Primo evento pubblico in presenza per la lista di centro-sinistra "Un passo avanti insieme". Giovedì 22 luglio sera, in piazza della Vittoria si è tenuto un incontro per parlare del trasporto ferroviario. A presentare la serata è stato Gabriele Gavazzi, che sarà parte della lista dei candidati per le prossime amministrative autunnali attese a Cernusco Lombardone. Ha auspicato che nell'imminente futuro si riesca a fare "un passo avanti e siano offerte un maggior numero di alternative al trasporto con l'auto".



Gabriele Gavazzi e sotto il consigliere regionale Raffaele Straniero



Il primo tra gli ospiti a intervenire è stato il consigliere regionale PD Raffaele Straniero. Ha chiesto alla Giunta Fontana un maggior coinvolgimento del territorio per affermare il principio di mediazione e giungere a trovare altre soluzioni. L'ultimo tassello che preoccupa è la possibile cancellazione delle quattro corse giornaliere che collegano Lecco a Milano Centrale. Il capolinea sarà Rogoredo, con evidenti disagi per i pendolari che trovano comodo l'arrivo in Centrale. "L'effetto sarà un maggior affollamento della linea S8 perché gli utenti troveranno più comodo andare a Porta Garibaldi piuttosto che a Rogoredo - ha denunciato Straniero - Con questa mossa la Brianza meratese sarà tagliata fuori dai collegamenti diretti con Milano Centrale". Il consigliere del Partito Democratico ha già presentato un ordine del giorno per il mantenimento dei quattro treni. "Mi auguro che si colga l'importanza di questa proposta e che venga quindi accolta dalla maggioranza" ha concluso.



Francesco Ninno, referente Comitato Pendolari del Meratese

Francesco Ninno, referente del Comitato Pendolari del Meratese, è tornato sul caso emblematico dell'altro giorno a Olgiate Molgora. Un incidente, sì, ma per una situazione mal gestita e che avrebbe provocato una dozzina di treni cancellati, tre corse con ritardi di 100 minuti e disagi per quattro o cinque ore e danni incalcolabili per i passeggeri. "Come accade per la metro a Milano i controlli si fanno quando le persone scendono dai mezzi di trasporto o, comunque, se dovessero insorgere dei problemi si attende che l'utente che non ha pagato il biglietto scenda dal treno e informare le autorità nel frattempo. Non è possibile che per ore il sistema vada in tilt per una cosa del genere" ha commentato Ninno. Ha poi lamentato lo scarso dialogo con l'assessorato lombardo guidato da Claudia Maria Terzi. E per l'obiettivo di percorrere in due ore la tratta Milano-Sondrio-Tirano per le Olimpiadi invernali 2026, per Ninno gli investimenti adeguati ancora non si vedono all'orizzonte né una programmazione economica di livello per il sistema ferroviario lombardo. Un rischio paventato dal Comitato Pendolari è che il futuro collegamento su rotaia Rotterdam-Genova aumenterà il traffico alla stazione di Monza, che diventerà un imbuto, molto più di quanto non sia già ora.



Raffaele Pirovano



Durante la serata è intervenuto anche Raffaele Pirovano che per Paso Lavoro sta seguendo il progetto "La Stazione in movimento", con inaugurazione prevista per il 18 settembre. "Mi auguro possa diventare un'eccellenza per il territorio, che possa essere presa a modello anche altrove" ha dichiarato Pirovano. La cooperativa da 7 anni gestisce la ciclostazione di Cernusco Lombardone, ma da settembre l'offerta sarà notevolmente ampliate. Grazie all'accordo con RFI sarà creata una caffetterie, un punto vendita di prodotti a chilometro zero, un info point. La ciclofficina inizialmente, la cui realizzazione era stata inizialmente pensata per gli spazi dell'ex deposito merci a fianco delle sale da attesa, troverà spazio invece nel piano superiore dell'attuale ciclostazione. Il "parcheggio" delle bici non sarà più dunque raddoppiato come comunicato in principio. Saranno invece installate quattro postazioni per la riparazione di biciclette e degli altri mezzi che favoriscono la mobilità lenta. Sarà data la possibilità di sostituire i pezzi non funzionanti riusando materiale recuperato da una delle 19 isole ecologiche che Paso Lavoro gestisce. Il progetto vedrà l'inserimento di persone disabili o con situazioni di fragilità. "La cura del territorio e dell'ambiente, i prodotti a chilometro zero sono spesso degli slogano. Noi vogliamo alzare il tiro e renderli concreti e magari replicabili in altri posti" ha concluso con soddisfazione Pirovano.
La parola è passata al pubblico, pochi i pendolari, molti i simpatizzanti della lista "Un passo avanti insieme".
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco