Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 405.951.414
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 29/07/2021
Merate: 18 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 14 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 13 µg/mc

Scritto Martedì 20 luglio 2021 alle 15:28

Verderio: dieci ragazzi al lavoro per il progetto UtilEstate a servizio del paese


È cominciato lunedì 19 luglio il progetto "Util'Estate 2021", a Verderio, a cui il comune (ente capofila) ha aderito insieme a Paderno d'Adda e Robbiate. I ragazzi - una decina tra maschi e femmine - che hanno deciso di prendere parte a questo bando, hanno dai quindici ai diciotto anni, e per due settimane impegneranno le proprie giornate alla cura e alla manutenzione di diversi ambiti del paese.


Si è iniziato dalla manutenzione alle panchine del Parco di Nettuno. I ragazzi, coordinati dalle indicazioni e dall'aiuto dell'educatrice Anna, hanno iniziato a scartavetrare le assi delle panchine e a ridipingerle. Così faranno, nei prossimi giorni, anche per quelle del campo da basket della scuola elementare "C.Collodi" e del parchetto adiacente al Nettuno.


Le loro giornate iniziano alle 9 e terminano alle 16. Verso mezzogiorno le attività si interrompono e gli viene offerto il pranzo presso la Casetta degli Alpini. Al termine del progetto, il 30 luglio, i ragazzi verranno ricompensati per gli sforzi profusi mediante un buono (del valore di 150 euro) che potranno spendere alla Decathlon, in una cartoleria convenzionata di Barzanò, oppure nei supermercati U2.


L'educatrice Anna si è detta infine particolarmente soddisfatta delle motivazioni che hanno spinto i giovani partecipanti a intraprendere questo percorso. Non hanno infatti scelto di partecipare solo perché spinti dai genitori o come "punizione". Diversi hanno risposto, invece, che avevano voglia di mettersi in gioco per fare qualcosa di nuovo e di utile, per impegnare il tempo in attività produttive e infine anche per conoscere persone nuove e fare nuove amicizie. Per una ragazza, in particolare, da poco trasferitasi a Robbiate, sarà un'esperienza importante per entrare a far parte della comunità.

F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco