Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 415.860.995
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 12 luglio 2021 alle 17:34

Vittoria degli Europei, insicurezza e mancato rispetto delle divise



Buongiorno,
noto che dal vostro quotidiano online, oltre alla doverosa notizia dei festeggiamenti di ieri notte, nulla viene riportato rispetto al clima di insicurezza e quasi anarchia.
I festeggiamenti hanno visto infatti anche un incidente ai danni di un ragazzo, verosimilmente per un lancio di un petardo, con l’arrivo dei soccorsi e successivamente dei Carabinieri allertati dalle chiamate al 112.
I Carabinieri sono stati fronteggiati al loro arrivo, e hanno dovuto farsi largo tra la folla con le auto di servizio a sirene spiegate.
Se festeggiare è un diritto, c’è anche una cornice in cui farlo. In una sera di festa nazionale vedere il non rispetto delle divise fa molto male ed è un fatto di grande gravità per un territorio come il Meratese.
Oltre al dispiacere rimane anche qualche interrogativo.
Perchè le autorità preposte non hanno previsto in caso di vittoria un presidio nutrito di forze dell’ordine? Come mai la Polizia Locale era totalmente assente?
La presenza di un corretto dispositivo di sicurezza dalle prime ore avrebbe consentito festeggiamenti accessibili anche a bambini e famiglie e probabilmente evitato gli incidenti.
Grazie per l’attenzione,

Un residente di Merate

Giusta osservazione. Ma faccia mente locale: quante volte le forze dell'ordine hanno disertato le piazze pur sapendo in anticipo che ci sarebbe stato il caos? Pensi alla vittoria dell'Inter o alla stessa vittoria dell'Italia alle semifinali. Cori da stadio, assembramenti, caroselli, tuffi nella fontana fino a tarda ora, soste selvagge e tutto il corollario che, soprattutto chi abita in centro ben conosce. Non se la sentono di affrontare i facinorosi? Sono ordini dall'alto di evitare presenze per evitare contatti? E' la solita storia italica che le regole sono scritte per essere infrante? Ognuno può scegliere la risposta che ritiene più aderente al proprio pensiero e alla realtà fattuale. Certo quello che è successo la notte scorsa in una piccola cittadina come Merate non fa fare bella figura a chiunque e a qualsiasi livello sia responsabile dell'ordine pubblico.  Questa volta poi la festa è degenerata in atti di vero e proprio vandalismo impunito. Ma non è la prima volta. E da questo giornale sono partite ripetute denunce finite nel nulla ma costate insulti e minacce. Abbiamo presidi robusti tra polizia locale e comando di Compagnia carabinieri. Si vede che proprio la notte scorsa tutti avevano altro di più urgente da fare. E chi ha subito danni materiali...cavoli suoi.

C.B.
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco