• Sei il visitatore n° 505.823.204
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 25 giugno 2021 alle 12:54

Paderno: sconti sulla Tari, approvate in consiglio le nuove norme e le richieste su isola ecologica

Nuovi sconti sulla TARI per l’anno 2021. É stato questo il secondo tema affrontato durante l’assise di Paderno, esposto nel dettaglio dall’assessore con delega al bilancio Gianpaolo Villa. Sono circa 40.000 euro gli sconti della TARI finiti in avanzo e che l’amministrazione intende spendere subito. In particolare a beneficiare dell’esonero totale sulla tassa rifiuti per il 2021 saranno le utenze non domestiche maggiormente colpite dell’anno pandemico, come ad esempio artigiani, ristoratori, centri estetici, parrucchieri ecc. A godere invece di uno sconto parziale saranno tutte le altre utenze non domestiche, non facenti parte delle categorie n. 17, 22, 24 e 26. Per loro vi sarà una riduzione del 15% del coefficiente variabile. Infine, per le utenze domestiche economicamente svantaggiate, sarà possibile ottenere il bonus sociale – lo stesso per acqua e per gas – se verranno soddisfatti i requisiti richiesti: un ISEE inferiore agli 8.000 euro oppure inferiore a 20.000 per le famiglie numerose, con più di 3 figli a carico. Le stime riportate dall’assessore Villa circa l’avanzo da impegnare sono, rispettivamente, 24mila euro per le utenze non domestiche particolarmente colpite dall’emergenza sanitaria, 12mila per le restanti e 4mila per le utenze domestiche disagiate. La restante parte domestica non risentirà di particolari variazioni, “alcuni avranno qualche euro in meno, altri qualche euro in più” ha concluso l’assessore Villa. Il punto è stato approvato all’unanimità.


Da sinistra, l'assessore Gianpaolo Villa, il sindaco Gianpaolo Torchio e il segretario comunale Emanuela Seghizzi

In ambito Tari, sempre l’assessore Villa, ha delineato il punto relativo alle nuove regolamentazioni. “La novità importante è che non esiste più la categoria del rifiuto “assimilato” ma per ogni rifiuto vi sarà una precisa catalogazione – ha chiarito Villa – inoltre le utenze non domestiche hanno la possibilità di uscire dal servizio pubblico per aderire a servizi privati. Dunque non pagheranno più la parte variabile ma solo quella fissa”. La domanda per il cambio gestione dei rifiuti era da presentare entro il 31 maggio, ma in realtà il comune non ha ricevuto nessuna richiesta da parte degli interessati. Anche il punto relativo ai nuovi regolamenti è stato approvato all’unanimità.
L’ultimo punto passato al vaglio del consiglio comunale è stato quello relativo al PEF e alla nuova riclassificazione dei costi da parte di ARERA. Il comune quest’anno ha deciso che la validazione delle tariffe fosse fatta da un soggetto terzo, un commercialista. La figura scelta dal comune e costatagli 300 euro ha validato il PEF dichiarandolo idoneo. Il consigliere Villa ha fatto osservare alla seduta consigliare che vi è stato un notevole incremento degli inerti, probabilmente, come effetto del bonus 110% e all’incremento delle ristrutturazioni. La raccolta differenziata ha registrato il 79,7% con una produzione pro capite di 477,7 chili. “Vi è stato un aumento dei rifiuti notevole dato sia dall’incremento delle ristrutturazioni sia dal fatto che i cittadini per via dell’emergenza sanitaria hanno trascorso molto più tempo a casa e dunque è aumentata anche la produzione dei rifiuti. Speriamo che il picco vada a ridiscendere e si torni ai livelli consueti” così il sindaco, Gianpaolo Torchio.


Aperta la discussione, è intervenuto il consigliere di minoranza, Matteo Crippa avanzando una richiesta, “Chiedo se è possibile anticipare l’orario estivo dell’isola ecologica visto il coincidere, per molti cittadini, dell’inizio dei lavori di sistemazioni dei giardini e di potatura con l’avvio della primavera. Gradirei anche che vi fosse una maggiore attenzione verso il personale preposto all’isola ecologica, sia per una questione di sicurezza, sia in merito alle modalità con cui gli addetti ritirano i rifiuti alle persone che li consegnano”. In risposta alle osservazioni di Crippa è intervenuto l’assessore con delega ai lavori pubblici e all’ecologia, Valentino Casiraghi, “Riguardo alla flessibilità oraria si può pensare di spostare l’orario estivo un mese prima. Per quanto riguarda invece l’aspetto del contratto che ci lega a chi sovrintende l’isola ecologica posso dire che interloquisco frequentemente con Silea e con il subappalto della cooperativa “Paso”. A volte il personale lavora con criterio mentre altre volte sono meno attenti, per questo scriviamo e avvisiamo di continuo Silea, ma spesso, l’azienda stessa è un po' lasciva. Conosciamo molto bene questo capitolo e ammetto che la tua osservazione non sia errata. In ogni caso continueremo a tenere monitorata la situazione”. In difesa dell’assessore si è espresso anche il sindaco dichiarando che a fronte dei costanti sopralluoghi da parte dell’assessore Casiraghi la situazione sembra essere notevolmente migliorata. Messo ai voti, il punto è stato votato con le astensioni dei membri di minoranza.
F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco