Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 415.863.482
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 22 giugno 2021 alle 19:34

Merate: tre murales raccontano storie e valori di personaggi di oggi e di ieri. Il ''regalo'' degli studenti di Viganò e Agnesi

A un ciclo di lezioni teoriche hanno affiancato una parte pratica con tanto di laboratorio e il risultato è sotto gli occhi di tutti e rimarrà a imperitura memoria non solo per la qualità e l'imponenza del murales ma soprattutto per la fantasia e il coraggio dimostrati dai ragazzi nella scelta dei temi e dei personaggi da rappresentare.
Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):

Tre pareti dell'istituto Viganò, del liceo Agnesi e dell'aula magna Falcone e Borsellino sono diventate la tela per una ventina di studenti delle due scuole che sotto la guida dell'artista di fama internazionale Walter Contipelli dell'associazione Orticanoodles e sostenuti dai loro insegnanti, Giulia Mauri (Viganò) e Davide Mauri (Agnesi), hanno portato a termine il lavoro che sarà oggetto di una grande inaugurazione nel mese di settembre.

Il professor Davide Mauri

La professoressa Giulia Mauri

 

Gli ultimi ritocchi sono stati fatti proprio in chiusura di anno scolastico con grande soddisfazione da parte di tutti.
Oltre ad essere ben visibili i murales catturano l'attenzione perchè "costringono" l'osservatore a fermarsi, riconoscere le forme e in questo caso i volti, associarne il nome e dunque ricordarne la storia oppure andarsela a cercare con una semplice googlata.

 

I ritratti sulla parete nord dell'aula magna esterna sono certamente quelli più imponenti.
Rappresentano sette personaggi che, secondo lo studio e le riflessioni dei ragazzi, hanno incarnato con la loro vita e le loro gesta gli ideali di giustizia, legalità e riscatto.
I loro volti in una sequenza armonica nei colori e nelle forme raccontano una lotta di liberazione o di diritto, una battaglia in nome della giustizia, una rivincita sociale inaspettata.
Si tratta di Rita Atria, Ilaria Cucchi, Daphne Galizia, Muhammad Alì, Iqbal Masih, Christ Gardner, Gino Bartali.

 

Il bar del Viganò ora è diventato più colorato e più "vivo". La grande parete di fronte al bancone, infatti, ora racconta le 4 stagioni del biancospino, una pianta curativa e rilassante, simbolo di pace e buona fortuna in molte culture. Il murale, dipinto con una particolare vernice che assorbe le particelle inquinanti, si snoda in maniera armonica in un susseguirsi di colori che incarna le stagioni: tinte più fresche per la primavera e l'inverno, tonalità intense e calde per l'estate e l'autunno.

La parete sotto il portico di ingresso dell'Agnesi, invece, ospita tre volti di donna che secondo gli studenti rappresentano al meglio la lotta per i diritti delle donne, la determinazione e l'ingegno che, troppo spesso, sono stati ignorati e sminuiti dalla società. Le tre figure sono state anche associate a uno degli indirizzi dell'istituto. Si tratta di Hedy Lamarr (liceo linguistico), Katherine Coleman Goble Johnson (Liceo scientifico scienze applicate), Rosalind Elsie Franklin (liceo scientifico tradizionale).

Insomma un grande lavoro che venti studenti assieme ai loro professori hanno deciso di portare a termine per interesse personale ma anche a beneficio di tutta la scuola, recuperando spazi che fino a qualche mese fa erano incolori e privi di vita e che ora, grazie a questo progetto, sostenuto dal Rotary con il contributo di Maxi sport, raccontano di persone ma soprattutto di valori, scienza, cultura, natura e bellezza.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco