Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.965.072
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 22 giugno 2021 alle 17:31

E...la chiamano estate!

Gentile Direttore,

il debutto anticipato della nuova stagione ha visto la bassezza degli stragisti del Mottarone e il seguito di contorte analisi sul perchè e in ottemperanza a quali priorità del profitto è considerato quasi normale uccidere quattordici persone. Poi sino alle notizie sul processo che verrà celebrato tra quattro/cinque anni non sapremo più nulla, come delle altre stragi che hanno funestato il nostro Paese, dal Vajont al DC 9, ai morti a causa dell'amianto, al ponte di Genova (ometto di citare le numerose stragi fasciste), apprenderemo con finta sorpresa che i responsabili saranno tutti assolti, o quasi.

"Andrà tutto bene", "ripartiremo meglio di prima" queste frasi seguite da una canzoncina sui balconi imbandierati hanno riempito le nostre giornate durante la pandemia, ma alla fine ci siamo incattiviti, prevediamo un futuro buio e continuiamo più che mai ad aprire pacchi contenenti oggetti vari spediti dai nuovi ricchi e recapitati dai nuovi poveri.

Amazon nel 2020 ha fatturato trecentoottantasei milioni di dollari, si calcola che il fatturato delle aziende di logistica abbia superato i cinquemilacinquecento miliardi di euro, grosso modo il bilancio di Italia e Germania, nessuna di queste società hanno sede fiscale in Italia, siamo sempre colonizzati da qualcuno.

Il nuovo corso dell'economia che ha creato vantaggi inimmaginabili pochi anni orsono, ha riportato le condizioni di lavoro degli addetti alle realtà di fine ottocento: operai picchiati dagli schierani dei padroni come a Tavazzano alcuni giorni fa, l'assassinio di Adil Belakhdim sindacalista dei facchini dipendenti dalle solite cooperative di comodo, investito e trascinato per venti metri da un camionista che ha polverizzato il presidio organizzato fuori da un magazzino. Un caso uguale si era verificato a Piacenza nel 2016, allora la vittima si chiamava Abd El Salam, ovviamente nessuno si ricorda.

Sono piovute le dichiarazioni di sdegno da parte di Draghi che si dice addolorato, del ministro Orlando che chiede (a chi?) di fare luce sull'episodio, piccolo particolare: Milani, Segretario Generale del sindacato Si Cobas ha dichiarato che nonostante si siano fatte ben due manifestazioni per denunciare le condizioni dei lavoratori della logistica, il Ministro del lavoro si è rifiutato di ricevere le delegazioni. Persino Giorgia Meloni ha fatto dichiarazioni di circostanza - Salvini no, la vittima era solo un immigrato?

Mi permetta Gentile Direttore di trascrivere parte di un testo recapitatomi da un mio conoscente ultraottantenne, perdonerà la trascrizione del dialetto brianzolo, alcune frasi le ho tradotte io.

Quönt de bagajet vendevi i mee zuchet al Salesina ul me pà el diseva: te se istess de quel de Vares che el crumpa a vöt e el vent a ses! ho sentù che ul president de la valeta quel del Renzi la aumentà il costo della mensa scolastica del 28% ma non è stato chiuso il bando, non si conoscono i costi reali del servizio, a lè pesc de quel de Vares. I pa e i mom hon cata i nom e quel bagaj lo de la Sancina che el fö ul sindec de Sonta Maria ha messo a bilancio i rimborsi per le famiglie interessate.

Ma ul Curà vec di munt la scrivu sul so rop che ul sindec el mongia la pizza con su i ugià e la metu su onca la futugrafia ..........

Cech di Staj

Mi pare chiaro anche se ho dovuto censurare i commenti.

Grazie per l'attenzione

Fulvio Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco