Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 415.862.580
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 18 giugno 2021 alle 16:17

Ist. Viganò: i ragazzi protagonisti del progetto LAIVin con il loro video 'Presenze'

Lo scorso 4 giugno, gli studenti dell'Istituto Viganò di Merate hanno visto chiudersi il percorso biennale del progetto "LAIVin", promosso in collaborazione con la Fondazione Cariplo e indirizzato alle scuole della Lombardia, per cui i ragazzi hanno realizzato un video. Obiettivo del progetto è il sostegno ai laboratori musicali e teatrali nelle scuole, così da incentivare, innanzitutto,  il protagonismo culturale dei giovani grazie alla pratica della musica e del teatro,  la maturazione di competenze chiave di cittadinanza delle nuove generazioni ed il loro avvicinamento ai linguaggi performativi contemporanei, ma anche il rafforzamento di sinergie tra scuole ed enti locali, organizzazioni culturali, imprese e cittadini in un’ottica sia di sostenibilità dei laboratori sia di condivisione delle iniziative.



Dopo il periodo della pandemia, particolarmente difficile da vivere soprattutto per i giovani, si è tenuto il festival "LAIVin Action" dal 3 al 7 di giugno, durante il quale i protagonisti hanno potuto condividere i percorsi artistici  realizzati, iniziati già due anni fa.  "Certo, sono state apportate modifiche in corso e alla fine si è optato per la realizzazione di un video che fosse rappresentativo delle attività svolte da ciascuna scuola, della durata di 3 minuti" hanno spiegato gli organizzatori.
Il filmato realizzato dalla scuola meratese si intitola "Presenze", e ha voluto essere un modo per racchiudere  il lavoro svolto nel biennio. Si è infatti trattato di un percorso di due anni,  “L’italiano non s’improvvisa”, strutturato in due momenti distinti. In primis un laboratorio curricolare sul tema “L’amore dalla letteratura del Medioevo e del Rinascimento ai giorni nostri”, attivato in una classe dell'indirizzo Grafica e Comunicazione, sotto la guida del professor Francesco Colotta e l'attrice Annalisa Arione.


La seconda parte ha visto invece i giovani del primo anno discutere - in un momento pomeridiano extracurricolare - su Otello e la violenza sulle donne, menre le seconde si sono concentrate su binomio presenza - assenza insieme all'attore Filippo Ughi, dell'associazione culturale meratese Piccoli Idilli, con la supervisione dei prof Claudio Contento e Silvia Pistaceci. Il 4 giugno scorso è stato dunque  un momento chiave di questo percorso: i ragazzi, protagonisti dei due laboratori, si sono riuniti nell'Aula MAgna Borsellino, e, collegati da remoto, hanno potuto partecipare al festival. Dopo aver visto il loro video mandato in onda, hanno avuto modo di discutere, tracciando un bilancio del progetto, sotto la guida della giornalista Valeria  Ciardiello, conduttrice della rassegna.
Alla fine si è brindato alla fine di questo cammino e al termine dell'anno scolastico, con piena soddisfazione, sorrisi e tanta speranza di condivisione di altri momenti di crescita come questo per il futuro.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco