Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 406.235.150
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 03/08/2021
Merate: 11 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 8 µg/mc
Lecco: v. Sora: 18 µg/mc
Valmadrera: 9 µg/mc

Scritto Giovedì 17 giugno 2021 alle 12:24

Ospedali: manovra in gastroenterologia. ''Pensionato'' il primario, via al sostituto

Il dottor Fabrizio Parente
Niente, non c'è proprio pace per la nostra Azienda ospedaliera . Mentre il San Leopoldo Mandic è ancora in versione covid pur senza malati ora giunge l'eco di un pensionamento "sospetto" che in realtà potrebbe essere il pretesto legale per creare un posto di primario a un professionista attivo a Niguarda nonché figlio di un altro noto professionista in chirurgia mininvasiva. Voci, naturalmente, tutte da verificare. Ma il caso Chirurgia con il mancato prolungamento in servizio del dottor Pierluigi Carzaniga che di fatto ha liberato il posto, previo concorso naturalmente, a Andrea Costanzi obbliga all'allerta massima. Fabrizio Parente primario della struttura complessa di Gastroenterologia cui fa capo la struttura semplice di Merate, diretta da Antonio Armellino, al compimento dei 65 anni andrà in pensione. Potrebbe restare almeno fino a 67 anni ma a quanto si dice la Direzione preferirebbe spalancargli le porte della pensione già ad agosto. E sempre secondo quanto si scommette nei reparti tra Lecco e Merate un professionista "ben visto" sarebbe già ai nastri di partenza. Dapprima magari con un "comando" e poi con regolare concorso. Nulla da eccepire, naturalmente, tuttavia mentre ad alcuni è consentito restare in servizio ad altri questa facoltà viene negata. C'è un criterio?  C'è una strategia dietro? E' solo casualità?

Di sicuro non è casuale l'ormai quasi completata "occupazione" dei ruoli apicali infermieristici (caposala e coordinatori) da parte del personale di Lecco. La direttrice del Sitra, non certo da ieri, privilegia le nomine di operatori del Manzoni non trovando del resto resistenza alcuna da parte della direzione medica di presidio la cui nomina sembra permeata della medesima filosofia sopra descritta. 

Nel frattempo restano sostanzialmente inattive le sale operatorie, la lista d'attesa di interventi chirurgici soprattutto in Ortopedia si allunga e l'attività nel suo complesso langue.

Ma se la minoranza consigliare di Merate - ove ha sede il presidio Mandic - ovesse presentare una interrogazione la risposta del sindaco sarebbe, tutto va bene, l'ospedale è in fase di potenziamento. Me lo ha assicurato il direttore generale.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco