Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 415.849.708
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 16 giugno 2021 alle 16:23

Maturità 2021: stanchi ma soddisfatti gli studenti dell'Agnesi e del Viganò. Il futuro: università, lavoro o un anno sabbatico

Primo giorno di maturità per i ragazzi dell’Istituto Tecnico “Viganò” e del Liceo “Agnesi” di Merate. Anche quest’anno, così come nel 2020, l’esame ha inevitabilmente subito le ripercussioni dettate dalla pandemia. La prova di maturità è consistita, infatti, in un solo “esamone” finale, orale, della durata di circa un’ora. I maturandi hanno dunque dovuto presentare un elaborato – realizzato mediante il supporto dei loro docenti, contenente le materie di indirizzo del percorso di studi – da cui è partita la discussione per poi proseguire con le domande relative ad ogni materia affrontata.
Dalle dichiarazioni degli studenti è emerso un generale senso di sollievo relativo alla mancanza delle prove scritte, anche se tutti i ragazzi sono usciti parecchio provati dal colloquio di circa un’ora con i professori, senza contare gli sforzi del mese di maggio in preparazione alle ultime verifiche e interrogazioni e il successivo “studio matto e disperatissimo” per via del quizzone finale sull’intero programma scolastico. Stanchi ma sorridenti e pronti a godersi, chi un po' di relax, e chi di nuovo i libri per prepararsi ai test di ingresso universitari.
Oltre al cambio di programma per l’esame finale, hanno raccontato anche le loro impressioni relative a quasi due anni passati tra lezioni in presenza e in DAD, che per certi versi hanno influito non solo sulla preparazione finale, ma anche sull’aspetto psicologico.


Federica Mandelli

Come ha raccontato Federica Mandelli – studentessa del Viganò per l’indirizzo Relazioni Internazionali e Marketing – lo scorso anno è stato molto impegnativo, “È stato sicuramente il più difficile di tutti, perché ho sofferto molto la lontananza dai miei compagni, 24 ore su 24. L’alternanza tra le lezioni a casa e quelle in presenza ha creato uno stato confusionale non da poco. Inoltre non è stato possibile esercitarsi a scuola con le lingue straniere quindi mi sono dovuta dar da fare a casa, leggendo, guardando le serie tv ecc…”. E' dunque toccato ai ragazzi recuperare il più possibile a casa per non perdere il passo. Federica è rimasta però soddisfatta dell’esame finale, “Ho presentato un elaborato con le mie due materie di indirizzo, inglese e economia. L’esame è stato fattibile, consono per le nostre conoscenze e anche i professori si sono dimostrati comprensivi e hanno tenuto conto delle nostre difficoltà”. Per il suo futuro sa già cosa vuole: proseguirà con l’università, Mediazione Linguistica a Milano, e quindi quest’estate oltre a rilassarsi in vacanza con le amiche penserà anche a studiare per il test di ingresso in università.


Mattia Mapelli

Mattia Mapelli – studente del Viganò per l’indirizzo Informatico – si è detto abbastanza soddisfatto dell'esame , “molto più semplice rispetto a quello che mi aspettavo, ma comunque mi sono dovuto impegnare tanto in questi cinque anni”. Mattia è infatti speranzoso che la proposta di lavoro arrivatagli vada a buon fine, visto che l’università, per ora, non rientra nei suoi programmi. “la DAD non mi ha causato grossi cambiamenti e non credo si possa dar colpa ai professori per le video lezioni, c’è chi si è impegnato comunque anche da casa e chi ha preferito fare altro” ha concluso.



Terzo da sinistra, Riccardo Cazzaniga 

La gioia di Riccardo Cazzaniga – anche lui studente del Viganò per l’indirizzo Amministrazione Finanza e Marketing – gliela si è letta in volto non appena concluso l’esame, “Sono contentissimo” – ha esordito, già pronto a festeggiare in compagnia dei suoi amici e maturandi – “È stato un anno molto complicato, soprattutto il mese di maggio, pieno di verifiche e interrogazioni. Di gran lunga il più impegnativo di tutti. Ho cercato di studiare un po' durante tutto l’anno per non arrivare alla maturità con l’acqua alla gola. Devo dire che i professori sono stati molto comprensivi e non mi hanno messo in difficoltà con le domande.” Programmi per l’estate? Di certo rilassarsi poi a ottobre lo attenderà la facoltà di Economia e Amministrazione in Bicocca.


Lara Bonanomi

C’è anche chi ha pensato di prendersi un anno sabatico dopo la maturità, come ha raccontato Lara Bonanomi – studentessa del Viganò per l’indirizzo Turismo – che senza nascondere un po’ di ansia e tensione provate prima dell’esame, ha detto “alla fine penso sia andato bene. Mi hanno fatto cominciare dall’elaborato, poi mi hanno mostrato una foto, dalla quale sono partiti i collegamenti con tutte le altre materie. L’esame è durato una cinquantina di minuti”. L’anno scorso Laura lo ha definito tragico, questo ha influito anche sulla sua voglia di studiare. Ha deciso, infatti, che farà un anno al Servizio Civile, prima di scegliere se proseguire i suoi studi.
I festeggiamenti sono proseguiti anche dal lato delle palazzine dell’Agnesi, dove un po' per volta si sono visti uscire i maturandi, subito assaliti dai compagni pronti a complimentarsi e a tempestarli di domande.


Elena Paganoni

Elena Paganoni – studentessa del Linguistico – visibilmente felice e sollevata ha raccontato “Son contenta dell’esame che ho fatto, è stato tranquillo. I prof sono stati molto umani e non ci hanno messo in difficoltà. Rispetto all’anno passato devo dire che è stato molto difficile, si è proseguito a singhiozzo e questo ha influito molto sulla situazione psicologica di noi studenti”. Nonostante le difficoltà i cinque anni al liceo hanno fatto nascere in lei una passione che continuerà a coltivare, “Andrò a studiare filosofia a Bologna. Un cambio di indirizzo, anche se le lingue mi piacciono molto adesso non sono la mia priorità” ha riferito Elena che trascorrerà l'estate con amici e famiglia, che a causa dell’intenso studio, ha confessato di aver trascurato in queste ultime settimane.

Gaia Mameli

Ad attendere Gaia Mameli c’erano un mazzo di fiori e una bottiglia di spumante, che ha stappato accerchiata dai suoi amici. Anche la studentessa del Liceo Scientifico tradizionale ha confessato di aver riscontrato alcune difficoltà durante lo scorso anno, mentre questo ciclo conclusivo è andata meglio “eravamo più pronti e organizzati. Alternare la DAD alla presenza è stato un bene, perché a scuola sei più motivato e coinvolto ad impegnarti e studiare. A casa, invece, ci sono stati dei momenti in cui mi sono chiesta, ma chi me lo fa fare di continuare a studiare?” Gaia non si è lasciata abbattere dalle difficoltà e anche sulle nuove forme dell’esame di maturità ha saputo trarne i lati positivi, “Io sono sempre andata meglio nelle prove scritte, per questo non ero molto felice della sola prova orale però penso anche che i confronti principali nella vita saranno orali, quindi forse è stata una maturità più adeguata e un modo per metterci alla prova. Anche rispetto alla commissione, penso che il fatto di avere tutti i docenti interni e il solo commissario esterno abbia permesso di avere una valutazione più accurata e che ha tenuto conto dell’intero percorso fatto, non limitandosi, a un unico esame finale”. Gaia passerà un’estate all’insegna del divertimento e dei viaggi, mancati nel 2020, però dovrà anche pensare allo studio visto che ad attenderla vi sarò la facoltà di Ingegneria Energetica.



Gaia Mandelli

Alcuni non hanno potuto fare a meno dei loro compagni di classe, ma c’è anche chi, come Gaia Mandelli – studentessa del Liceo Scientifico (Scienze Applicate) – ha confessato, “Sono molto introversa e se fosse stato per me sarei rimasta lo stesso a casa, ma capisco che per altri questo possa aver provocato dei disagi sulla sfera psicologica. Ho sentito che alcuni l’hanno scorso hanno lasciato la scuola perché non riuscivano a seguire le lezioni. Io devo dire che mi sono impegnata tanto, e spesso mi registravo le video lezioni per poi riascoltarmele, ma capisco che per altri sia stato scoraggiante”. Anche l’esame di maturità Gaia lo ha affrontato con serenità e i professori le sono sembrati ben disposti a capire le difficoltà dei ragazzi. Dopo le vacanze, ad attenderla, vi sarà un nuovo percorso, quello di Architettura.


Da sinistra Alessandro Maggioni e Mathias Lorusso



Alessandro Maggioni e Mathias Lorusso, studenti del Liceo Scientifico (Scienze Applicate), hanno finito insieme e insieme proseguiranno il tragitto universitario al Politecnico di Milano, in Ingegneria Chimica. Entrambi soddisfatti dell’esame, che li ha tenuti impegnati una cinquantina di minuti si godono i primi momenti di libertà. Uno ha presentato un elaborato su Maxwell e l’altro sulle bombe atomiche, hanno spiegato i due studenti, concludendo con un commento in merito alla DAD “Da un lato, per fortuna che c’è stata la possibilità di riorganizzarsi a distanza, altrimenti non sarebbe stato possibile fare nulla”.
Insomma, i maturati e maturandi, hanno avuto parecchie sfide con cui fare i conti durante questo anno scolastico e, a detta dei più, durante il precedente. Ma tutti si sono mostrati determinati a concludere un percorso e motivati ad iniziarne uno nuovo, e nel frattempo si godranno le meritate vacanze.
F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco