Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 459.684.616
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 01 giugno 2021 alle 17:00

Osnago: con il nuovo romanzo storico di Canzio Dusi si riscopre il Rinascimento

Canzio Dusi
Nuovo romanzo storico per Canzio Dusi. Da lunedì 31 maggio è prenotabile nelle librerie "La stanza del sogno. Leonardo e Michelangelo, due geni a confronto". 344 pagine per immergersi nella stagione del Rinascimento fiorentino, epoca d'oro dell'arte. A quattro anni dal libro su Giotto, questa volta Dusi porta avanti le lancette del tempo fino ad arrivare al periodo a cavallo tra il XV e il XVI secolo. L'incipit è un episodio ambientato nel 1506, un fatto truculento inventato dall'autore su un personaggio morto in condizioni non del tutto chiare. Da lì le vicende tornano a ritroso di quindici anni. Lo spunto narrativo è una circostanza realmente successa, ovvero l'incontro-scontro di due dei più grandi artisti dell'età rinascimentale, Leonardo e Michelangelo. Nel 1503 infatti su richiesta di Piero Soderini, le cariche pubbliche fiorentine indissero un concorso per la decorazione interna di quello che oggi conosciamo come il Salone dei Cinquecento a Palazzo Vecchio. "Mi affascinava l'idea che due geni indiscussi si siano confrontati per realizzare insieme un'opera d'arte - dichiara Canzio Dusi - Mi è interessato capire e scrivere su cosa non abbia funzionato di quel progetto poi non andato a buon fine e cosa ci fosse dietro alle loro vite". E proprio raccontando la vita di Leonardo una parte del libro è ambientato in terra brianzola e milanese, racconta perciò degli studi sul flusso dell'acqua che l'artista toscano compì sull'Adda.

Il Rinascimento fu uno di quei momenti storici in cui l'arte costituiva uno status symbol dei potenti, che la sfruttavano e la esaltavano per i propri scopi politici. E così anche il romanzo di Dusi non si esime dal parlarne. "Questo libro è permeato di politica. Del resto sono convinto che la politica insieme alla cultura del tempo sono concause dei successi degli artisti. Affronto dunque l'atteggiamento dei potentati e i rapporti con il Papa. Si seguono le vicende dell'Italia del tempo" spiega l'autore.

 

"La stanza del sogno" è edito da Porto Seguro Editore, che ha la sede principale proprio a Firenze. "È per me un motivo di orgoglio e un valore aggiunto il fatto che il mio manoscritto sia stato scelto da una casa editrice di Firenze, che sicuramente riceverà molte richieste per pubblicare romanzi e saggi ambientati nella loro città".

In estate partirà la fase di presentazione in pubblico del libro, un momento di confronto particolarmente gradito da Dusi per scambiarsi idee e suggestioni sul testo, ma anche sul periodo storico raccontato. Intanto Dusi ha già in serbo qualche nuova sollecitazione per un prossimo romanzo storico. "Il fatto di dover contestualizzare l'epoca descritta con l'oggi esercita i lettori a ricercare il filo rosso e la traccia per interpretare il presente. La scuola spesso prepara gli alunni a studiare e a formarsi per compartimenti stagni, ma in realtà le evoluzioni storiche sono molto più fluide" osserva l'autore osnaghese. "Continuerò a scrivere perché mi piace e perché è un'ottima scusa per tornare a studiare e approfondire il passato per poterne poi parlare - conclude Canzio Dusi - Il mio modesto tentativo è di cercare di stimolare l'idea che studiare il passato sia importante. Ho l'impressione che il valore dell'umanesimo di far crescere una società preparata non viene molto considerato oggi come oggi".

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco