Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 428.674.099
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 20 maggio 2021 alle 16:32

Cornate: due avvistamenti di ufo in città, uno a Bernareggio

Foto di repertorio
Spesso catalogati come bufale, escono invece i dati ufficiali degli avvistamenti di Oggetti volanti non identificati, comunemente chiamati Ufo. A sorpresa, tra i pochissimi accreditateti dall’Aeronautica militare, ve ne sono ben due a Cornate e uno nel vicino paese di Bernareggio. Sono infatti stati diffusi nelle scorse settimane i dati circa gli avvistamenti Ufo presenti negli archivi delle Forze armate italiane. Una scelta che non solo sorprenderà i tanti amatori del genere, ma che si è guadagnata il plauso gli ufologi del Cun che elogiano la trasparenza dell'Aeronautica militare. Le segnalazioni di oggetti volanti non identificati giunte dai cittadini pubblicate fanno parte della casistica raccolta dal Reparto Generale Sicurezza dello Stato Maggiore e quindi pubblicate in una nota.
In particolare, per quanto riguarda gli ultimi due anni, sono state catalogate (evidentemente quindi con una credibilità differente rispetto alle centinaia che possiamo immaginare arrivino ogni giorno, ndr) finora 9 segnalazioni. Queste quelle per l’appunto rese note: il 5 gennaio del 2019 a Cremosano (Cr), viene avvistato un oggetto "scuro nella zona superiore, illuminato in quella inferiore", di forma "sferica", muoversi a bassa quota e a velocità "sostenuta" da sud a nord. "L'evento non è stato associato ad attività di volo o di radiosondaggio ed è stato pertanto catalogato come oggetto volante non identificato", registra l'Aeronautica. Sempre a gennaio 2019, il giorno 25 alle 16.57, un privato cittadino ha notato in cielo a circa 500 metri di quota, un oggetto dalla "forma allungata con spigolature" che volava "da nord ovest direzione sud est" a velocità "bassa e costante con spostamento orizzontale veloce verso sinistra".
Qualche mese più tardi, la mattina del 4 giugno, è la volta di un Ufo grigio di forma circolare avvistato al Passo della Futa. Neanche una settimana più tardi, il 10 giugno, a Soveria Mannelli (Cz) viene avvistato un oggetto volante di forma "allungata" di colore "bianco tendente al giallastro" che vola a bassa quota verso ovest.
Ed ecco che si arriva al 16 agosto, sempre 2019, intorno alle 22.30, a Cornate d'Adda, qui di oggetti ne vengono avvistati due in una volta sola: il primo di circa 50 metri, il secondo di 30, sferici, che illuminano la notte con il loro "colore arancione e bianco intenso" mentre si spostano lentamente in cielo. L’ultimo avvistamento che viene registrato nel 2019, è un oggetto volante descritto come una sorta di "sigaro" notato in cielo alle 13.05 del 25 novembre a Castellone (Cr) mentre si dirigeva verso nord con una velocità "costante tipo aereo a elica". Nel 2020 negli archivi dell'Aeronautica militare vengono registrate due segnalazioni: la prima il 18 luglio, a Cerchiate di Pero (Mi), con un oggetto di "forma sferica irregolare", di colore "bianco intenso e sul finire rossastro" che si muove con "continui cambi di direzione". Alle prime luci del 2 agosto, a Milano Marittima (Ra), sono le 5.45 quando un cittadino avvista in cielo una sfera di colore giallo allontanarsi "in direzione nord".
Per quanto riguarda quest'anno, finora si registra una sola segnalazione, relativa all'avvistamento, il 14 gennaio scorso a Bernareggio, di un oggetto "bianco e nero" di forma "irregolare obliqua" che si muoveva "in direzione sud est". "Mentre negli Stati Uniti continua l’attesa per la pubblicazione da parte degli enti di intelligence del rapporto sugli Uap/Ufo previsto dalla legge di autorizzazione per le attività di intelligence – hanno dichiarato nella nota pubblicata lunedì sul sito del Cun Roberto Pinotti presidente del Cun (Centro Ufologico Nazionale) e Vladimiro Bibolotti del Cifas (Consiglio della Federazione Internazionale di Studi Avanzati) - il Cun e il Cifas – hanno aggiunto - ricordano che l’Italia nel 2001 è stato il primo paese al mondo a rendere pubblicamente disponibili i dati militari sugli avvistamenti di oggetti volanti non identificati definendo encomiabile l'impegno di trasparenza dell'Aeronautica”.
Chissà se in città qualcuno ricorda ancora l’episodio e fu bollato come visionario… Oggi con questi dati, seppur non particolarmente dettagliati, ma che conferiscono un grado di credibilità maggiore agli avvistamenti, potrà prendersi la rivincita.
V.D.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco