Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 421.542.965
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Martedì 11 maggio 2021 alle 18:05

Cernusco: la famiglia acconsente alla donazione degli organi di Gioele, 7 anni, morto dopo 5 giorni di agonia in ospedale

Una comunità intera ha sperato fino all'ultimo che Gioele ce la potesse fare. Chi si è affidato alla Fede, come i genitori, chi alla forza del vivace bambino di sette anni, dall'entusiasmo travolgente e dalla bontà d'animo ineguagliabile, come lo ricordano in oratorio, chi facendo appello a un senso di giustizia che non può strappare alla vita chi vi si è appena affacciato.

Gioele con la mamma e la sorella

Purtroppo il destino di Gioele Petza ha preso una piega diversa e nel primo pomeriggio di oggi i medici ne hanno dichiarato il decesso dopo 5 giorni di agonia all'ospedale Papa Giovanni di Bergamo.
Troppo gravi le ferite riportate alla testa e troppo compromesso il quadro clinico tanto che da subito i medici non si erano sbilanciati preparando la famiglia al decorso più tragico.

In questi giorni papà Massimiliano, mamma Jenny e la sorellina Giorgia (queste ultime dimesse dopo il breve ricovero a seguito delle ferite riportate nell'incidente) hanno fatto la spola da Cernusco, paese di residenza, a Bergamo sempre con la speranza di ricevere da una buona notizia e di risvegliarsi dall'incubo nel quale erano sprofondati dopo che il 35enne alla guida della Fiat Punto aveva travolto mamma e i due figli che camminavano sul marciapiede di via degli alpini.
Un impatto devastante, con il piccolo che aveva fatto un volo di diversi metri atterrando nel parcheggio posto più in basso rispetto alla sede stradale e dove i sanitari, giunti anche da Como con l'elicottero, avevano tentato in tutti i modi di tenerlo in vita, con le manovre rianimatorie.

Per una quarantina di minuti il corpicino di Gioele era rimasto a terra circondato dall'équipe del personale di soccorso poi, quando i suoi parametri erano stati ritenuti sufficientemente stabili, l'ambulanza l'aveva portato fino al prato interno alla caserma dei vvf dove era atterrato l'elicottero e poi trasferito a Bergamo. Mamma Jenny era finita al Mandic e dimessa qualche giorno dopo così come Giorgia, andata invece al Manzoni di Lecco.
Papà Massimiliano era al lavoro a Como ed era stato chiamato dalla stessa Giorgia mentre si trovava sul marciapiede circondata dal personale sanitario che le stava prestando soccorso. Era giunto sul posto e aveva trovato la scena terribile dell'incidente con le ambulanze ancora presenti e l'uomo alla guida della Punto che osservava dalla strada le operazioni mentre gli inquirenti si davano da fare per verificare la sua versione, quella cioè di un'auto piombata sulla famiglia e poi finita addosso alla sua.



Erano state sufficienti poche ore per poter ribaltare completamente il quadro e così, denunciato per lesioni aggravate, era stato lo stesso pakistano, alla guida della Fiat. Ora la sua posizione si aggrava e per la morte di Gioele a seguito del sinistro, l'ipotesi che si profila è quella di omicidio colposo o stradale.
Una famiglia composta e bene inserita nella comunità, come ha ricordato don Alfredo, con Gioele e Giorgia che frequentavano l'oratorio e partecipavano alle attività. Un oratorio che in questa settimana, a piccoli gruppi, si è riunito in preghiera per affidare le sorti del compagno a Dio e che nei prossimi giorni si stringerà attorno alla famiglia per l'ultimo saluto.
I genitori, in un gesto estremo di amore, hanno acconsentito alla donazione degli organi e ora si dovrà attendere la valutazione dell'équipe sanitaria per sapere se ciò sarà possibile.

Articoli correlati
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco