Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 393.152.747
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Lunedì 03 maggio 2021 alle 12:32

Merate: da oggi stop vaccini al Mandic, il servizio pubblico risultato poco efficiente e organizzato lascia spazio ai privati

“Dal 3 maggio tutte le vaccinazioni anticovid 19 si effettuano presso l'hub Technoprobe di Cernusco Lombardone”. É il cartello che campeggia sulle porte scorrevoli e sulle vetrate della portineria del Mandic di Merate.
Le somministrazioni dunque non saranno più erogate né al fatidico quarto piano né al centro prelievi ma i cittadini si dovranno recare in via cavalieri di Vittorio Veneto, previo chiaramente appuntamento e seguire il percorso creato ad hoc, con tanto di parcheggio e corridoio coperto per l'attesa.



Una macchina organizzativa che si è messa in moto in pochissimo tempo, dove il privato (la famiglia Crippa) con la collaborazione del pubblico ha offerto alla popolazione un servizio assolutamente efficiente. Spazi, macchinari, servizio d'ordine che senza sosta accolgono, vaccinano, smistano i flussi di traffico con entrate e uscite differenti, parcheggi “riservati”, percorsi tutelati. Così è a Technoprobe. Così non è stato al Mandic.
A stigmatizzare come il servizio offerto in ospedale non fosse per nulla adeguato alle esigenze della popolazione era stata la stessa sindaca di Cernusco, Giovanna De Capitani, che presentando ai colleghi l'hub massivo aveva detto: “Non era preventivato che questi spazi diventassero un hub vaccinale. Quando abbiamo visto tutti quanti le immagini del centro vaccinale al quarto piano dell’ospedale Mandic di Merate ci siamo resi conto che quel servizio non fosse adeguato alle esigenze degli anziani e non solo”.


Basta ripercorrere il percorso fatto da centinaia di persone vaccinate nelle prime settimane a Merate, operatori del settore, insegnanti ma soprattutto grandi anziani, per notare le differenze.
L'ospedale ha a disposizione un parcheggio pubblico a disco orario proprio di fronte alla portineria, poco più di una ventina di stalli, e 7/8 davanti alle “Piazze” dove c'è anche il silos a pagamento. A smistare i flussi un paio di extracee che propongono qualche gadget e, tutt'al più, aiutano nelle manovre di parcheggio. All'interno del perimetro dell'ospedale sono due invece le aree a pagamento, si parte da 1,5 euro per frazione di ora.

Galleria immagini (clicca su un'immagine per aprire l'intera galleria):


Sole o pioggia l'attesa per accedere al quarto piano è stata per le prime settimane all'aria aperta, poi è arrivato un gazebo davanti all'aula scientifica dove all'interno sono state fatte accomodare le persone per la compilazione delle schede anamnestiche prima della somministrazione. La ressa e gli anziani in piedi avevano portato a prelevare dagli ambulatori le sedie per l'attesa e a piazzarle sul camminamento all'esterno della portineria, lo stesso dove si incrociano anche visitatori e utenza generica del presidio.
Al piano terra, di fronte all'ascensore alcune sedie e poi la salita fino al quarto piano: stesso ascensore, stessi pulsanti per la chiamata e l'apertura delle porte, nessun inserviente a sanificare ad ogni passaggio.



Le chiamate qui erano smistate dalle guardie della vigilanza privata: una per il primo appello e un'altra per l'accettazione al quarto piano con la consegna e il ritiro dei moduli. Prima dell'attivazione della sala scientifica come base di appoggio, utenti e accompagnatori si accomodavano sulle sedie e le ginocchia diventavano tavoli.




Varcata la soglia di quella che un tempo era la pediatria, nel corridoio erano state posizionate le sedie per l'attesa prima e dopo il vaccino. Poi nei locali ai lati la somministrazione della dose.
Ingresso e uscita dalla stessa porta. Discesa dallo stesso ascensore o dalla stessa scala (se abili e in forze). Ritorno al parcheggio con sosta alla cassa per il ticket o con esborso di 0,50 euro per frenare le insistenze del venditore ambulante.
Vaccino ricevuto, obiettivo raggiunto.
Ma il Servizio, con la S maiuscola, che ci sarebbe aspetatti dall'eccellenza lombarda è tutt'altra cosa.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco