Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 419.689.978
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 03 maggio 2021 alle 09:26

Verderio: dopo una lunga battaglia con la malattia, si è spento a 45 anni Oscar Colico, tra i maggiori esperti di motori d'auto

Oscar Colico
Oscar e i motori erano una cosa sola. Fin da piccolo la sua passione era mettere le mani su quei pezzi, assemblarli e poi sentire che tutti gli ingranaggi funzionavano alla perfezione e il motore partiva con un rombo da far tremare le pareti. Tenace e testardo, combattivo, come lo ricordano gli amici, sotto le sue mani non c'era turbina, iniettore o pistone che si potesse opporre al suo lavoro magistrale che riparava, potenziava e li rendeva unici.

Oscar Colico ha combattuto fino all'ultimo, stringendo i denti, resistendo al dolore, soprattutto per la sua famiglia, poi la malattia ha avuto il sopravvento e oggi pomeriggio nella chiesa dei santi Giuseppe e Floriano gli sarà tributato l'estremo saluto.
Classe 1976 era nativo di Verderio e abitava al limitare del paese, al confine con Cornate. Nel mondo delle auto e dei motori lo conoscevano tutti gli appassionati, quelli di racing e quelli di tuning e a lui si rivolgevano per consigli, pezzi di ricambio, nuovi "assetti".
Dal 2011 combatteva con la malattia che, negli anni, gli aveva minato il fisico e le forze ma non lo spirito e la volontà di andare avanti.
Dopo aver avviato l'attività di pezzi di ricambio e attrezzature come e-commerce, a gennaio di quest'anno era riuscito a realizzare il suo grande sogno, aprire un negozio con una sede e così "Nikomat" in poco tempo aveva ampliato ancora di più la sua fama tra gli appassionati.
Oscar ci metteva il cuore in tutto quello che faceva e mercoledì, qualche giorno prima di morire, era ancora al lavoro, pur con la maschera di ossigeno, assieme all'amata moglie Barbara. "Sono devastato, questa malattia di distrugge. Tengo duro ma non so per quanto ancora" aveva scritto il 23 aprile. Poi, inesorabile, la resa ma con il coraggio e la forza di chi ce l'ha messa proprio tutta, soprattutto per la sua amata famiglia, per i suoi figli Mattia e Nicolò, ai quali ha lasciato l'esempio e il ricordo di un papà tenace e con una grande forza di volontà.

S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco