Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 393.161.506
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Domenica 02 maggio 2021 alle 15:07

Robbiate: rendiconto in aula e adeguamento sismico per il polo scolastico

Come ormai accade da diversi mesi, si è riunito in streaming nella serata di giovedì, 29 aprile, il consiglio comunale di Robbiate. La seduta è cominciata con l'approvazione del rendiconto della gestione relativo all'esercizio finanziario 2020. Il consigliere con delega al bilancio Federico Scuglia, incaricato dell'esposizione, ha illustrato i dati del rendiconto maggiormente indicativi di "un trend di bilancio crescente utile a capire che l'Ente gode di una solidità patrimoniale e anche di un certo grado di liquidità". "Al 31.12.2020 il fondo di cassa del comune di Robbiate è di 1.346.144,15 euro. Il comune ha provveduto ad aggiornare correttamente la giacenza di cassa vincolata a fine anno, che e ne sono stati verificati gli equilibri. Per quanto riguarda la tempestività dei pagamenti, l'ente ha rispettato i tempi adottando tutte le misure organizzative per raggiungere l'obiettivo e di conseguenza non siamo stati tenuti ad attuare per il bilancio di previsione 2021-2023 il fondo garanzia dei debiti commerciali".

Elencate le varie operazioni di somma e sottrazione, il consigliere Scuglia, ha mostrato il risultato di amministrazione al 31.12.2020, pari a 1.526.454,79 euro. Di questi, la parte accantonata, che anche quest'anno risulta essere l'importo maggiore, è di 1.166,312 euro, di cui 955.516 euro facenti parte del fondo crediti di dubbia esigibilità, 179.035 accantonati per Retesalute e 31.759 per altri accantonamenti. La parte vincolata è pari a 118.185 euro, di cui 114.772 euro sono vincoli derivati da trasferimenti e 3.413 euro vincoli derivanti da contrazione di mutui. Le risorse disponibili sono quindi pari a 204.770 euro.

Prima di mettere il punto a votazione è intervenuto il sindaco, Daniele Villa, "nonostante l'anno difficile, da un punto di vista finanziario abbiamo riscontrato comunque un ottimo incasso sia per quanto riguarda le entrate che per gli indici di pagamenti e di tempestività. Un dato importante anche per mantenere la solidità dell'economia anche locale e dei fornitori che paghiamo. Ricordo anche che lo scorso anno abbiamo esentato le attività commerciali dal pagamento della tassa sui rifiuti quindi questo è un ottimo segnale". Si è espresso anche in merito al fondo crediti di dubbia esigibilità ammettendo che risulta ancora elevato, dunque il prossimo obbiettivo - ha dichiarato - sarà proprio quello di cercare di smaltire lo stock di residui. Messa infine ai voti, l'approvazione del rendiconto ha ottenuto i voti favorevoli della maggioranza e l'astensione dei consiglieri di minoranza, Danza Alessandro, Villa Pierantonio e Casati Cesare.

Altro punto all'ordine del giorno è stato quello trattato sul finale della discussione, ossia l'approvazione della modifica del programma triennale ed elenco annuale dei lavori pubblici per gli anni 2021-2023.
Nel concreto, come spiegato dal primo cittadino, si è reso necessario modificare il piano per poter accedere ad un bando nazionale "piano asili nido e scuola dell'infanzia" che coprirebbe l'investimento per l'adeguamento antisismico dell'edificio. "Negli anni scorsi sono state fatte le prove su tutti gli edifici comunali e il tecnico era incaricato anche di svolgere i progetti esecutivi per l'adeguamento antisismico. Avendo già in mano il progetto esecutivo si guadagnerebbero molti punti nel bando, che copre l'investimento stimato per la scuola materna nell'ordine dei 300.000 euro." Toccherà dunque attendere l'esito della graduatoria, che scadrà il 21 maggio, e nel caso di positività si appalteranno i lavori per l'estate 2022. Il sindaco ha inoltre aggiunto che sono pronti i progetti esecutivi anche per la scuola primaria e per la scuola media, e che qualora emergessero nuovi bandi si procederà ad un eventuale nuova variazione del piano triennale. Con nessun contrario a riguardo, la variazione è passata all'unanimità.

F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco