Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 393.156.038
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Venerdì 30 aprile 2021 alle 12:13

Sartirana: petizione e forse un ''comitato'' per allentare le restrizioni alla riserva lago



All'orizzonte si profila una raccolta firme per formulare proposte e osservazioni alla valutazione ambientale pubblicata il 19 aprile. I primi passi si sono mossi in queste settimane dopo la decisione di chiusura alla fruizione della riserva lago di Sartirana, che già forti reazioni ha suscitato con diverse prese di posizione nettamente contrarie.
Nella serata di mercoledì 28 aprile un gruppo di singoli cittadini della frazione si è ritrovato per portare avanti azioni concrete finalizzate ad “allentare” queste restrizioni che, di fatto, blindano lo specchio lacustre e il suo camminamento, meta specialmente nel fine settimana di decine e decine di persone che qui trovano un angolo di ristoro in mezzo al verde, particolarmente prezioso in un momento come questo di pandemia.



Si tratta di un gruppo trasversale, senza alcun colore politico ma coeso solamente nella volontà di trovare con l'amministrazione una strada per riaprire un tracciato che non danneggi la fauna e la flora del sito e che consenta di beneficiarne.
Alla serata erano presenti il direttore della riserva Mauro Brambilla, l'ex sindaco Andrea Massironi, il consigliere di minoranza Roberto Perego, Maurizio Perego, Roberto Perego membro del consiglio di gestione, Fausto e Franco Perego e il signor Fausto Panzeri.
La “chiacchierata” informale ha avuto come obiettivo quello di individuare i punti da modificare la Relazione di Piano le modalità con cui muoversi. La raccolta firme potrà essere inizialmente ristretta ai soli iscritti nelle liste elettorali di Merate e andare in parallelo con altre iniziative da fuori confine, dato che la riserva è meta di molti non residenti, essendo un luogo unico nel territorio.
La volontà è proprio quella di trasmettere all'amministrazione il sentore della gente e trovare un punto di equilibrio che non nuoccia al SIC (sito di interesse comunitario) e al tempo stesso non privi la cittadinanza di questo bene.
S.V.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco