Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.602.769
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 29 aprile 2021 alle 18:20

Olgiate: sul DUP la minoranza fa le pulci alla maggioranza e poi si esprime 'contro'

Si è superata la mezzanotte nel consiglio comunale di Olgiate Molgora che si è svolto nella serata di ieri, mercoledì 28 aprile. A tenere banco è stata in particolare l'approvazione della nota di aggiornamento del DUP (Documento Unico di Programmazione), relativa al triennio 2021-2023. Il punto ha dato modo alla minoranza "Uniti per Olgiate" di togliersi qualche sassolino dalla scarpa e fare il punto della situazione amministrativa giunti all'ultimo scorcio di mandato. La prima osservazione pervenuta è stata proprio quella del capogruppo Pino Brambilla (presente da remoto), il quale ha espresso il suo disappunto per come è stato redatto il documento. «Ogni anno non cambia niente, si ripetono le stesse cose - ha detto - senza contare i numerosi errori, anche grammaticali. Ritengo si tratti di un documento fondamentale non solo per il presente, ma anche per l'amministrazione futura. Sono assenti peraltro molte voci, tra cui la questione Retesalute». È cominciato così un vero e proprio botta e risposta con il sindaco Giovanni Battista Bernocco che prontamente ha dichiarato che non è sua intenzione pianificare un periodo che probabilmente non sarà sotto la sua amministrazione (nonostante la volontà di ricandidarsi) in scadenza a ottobre 2021. «Non vado a vendere le mie idee a chi verrà dopo di noi - ha concluso - e comunque il documento è passato dal revisore dei conti».

Pierantonio Galbusera


La discussione è continuata con il consigliere di minoranza Pierantonio Galbusera (presente in aula) che ha richiesto aggiornamenti su vari punti.

Assunzioni: perché non si procede, avendo 888.000 euro annuali di tetto massimo per gli stipendi dei dipendenti comunali, e spendendone attualmente 700.000 circa. «Una persona è stata aggiunta - ha risposto il primo cittadino - Andrà via un dipendente 'B3' e verrà assunto un 'C'. La capacità di assunzione è del 2,18 % e il Comune sta lavorando a riguardo». Ha poi aggiunto: «Le amministrazioni prima di noi hanno fatto economia su questo fronte, ora se ne pagano le conseguenze».

Riguardo agli aggiornamenti sulla costruzione della scuola media ha risposto invece l'assessore Paola Colombo. Il 26 aprile si è conclusa la conferenza dei servizi, tutti comunque si sono detti favorevoli. Da definire la parte di bosco che diventerà parcheggio e da sistemare il colore dell'edificio come da volontà delle Belle Arti. Il responsabile dell'Ufficio tecnico sta stendendo il progetto definitivo. Verrà informata anche la Regione poiché il costo lieviterà da 4 milioni a 4,3 milioni di euro, essendo stata ritenuta la scuola un edificio strategico per la Protezione civile e dato che la dirigenza scolastica ha richiesto l'aumento di volumetria di un paio d'aule. L'azienda che ha vinto il bando è la Studio Settanta7, specializzata in edilizia scolastica. La Regione dovrebbe dare risposta in tempi brevi. Dopodiché in 45 giorni sarà realizzato il progetto esecutivo necessario per far partire il bando mediante la Stazione Unica Appaltante della Provincia di Lecco. L'individuazione dell'impresa aggiudicataria per la costruzione è prevista per il prossimo novembre. Per vedere l'opera si dovrà attendere giugno 2022.

Paola Colombo


Un altro tema importante toccato dal consigliere di minoranza è stato quello relativo alla questione amianto. Galbusera ha chiesto il motivo della mancata partecipazione a un bando a fondo perduto che si sarebbe potuto utilizzare per la Croce Rossa e la Cascina Piccola dell'Area Nava. L'assessore Matteo Fratangeli ha prontamente risposto che il bando era entrato nel loro radar, ma per quanto riguarda la CRI c'è una sponsorizzazione ancora in essere, di cui per altro ci sono stati recenti sviluppi per cui è stato depositato un preventivo. Confermata l'intenzione di concludere la questione entro fine mandato. Il consigliere Galbusera ha quindi opinato che forse era una questione da sbrigare prima, sottolineando che non è ancora chiaro se l'intenzione dello sponsor è quella di chiudere l'operazione. Per quanto riguarda la Cascina Piccola, la legge di bilancio 2020 ha alzato il contributo statale riservato ai Comuni per l'efficientamento energetico. Per Olgiate si passa da 70 mila a 140 mila euro. Verranno utilizzati per l'efficientamento della palestrina della scuola elementare (quasi 90 mila euro) e per bonificare la copertura della Cascina Piccola (circa 55 mila euro). Gli animi si sono ulteriormente accesi quando il consigliere ha chiesto come mai non è stata presa in considerazione l'idea di installare un impianto di climatizzazione alla biblioteca, considerando che i pannelli fotovoltaici sopra l'edificio municipale consentirebbero di ammortizzare il consumo energetico, e soprattutto quando ha definito la questione relativa alla convenzione per il centro storico una "barzelletta".


Ha dunque chiesto chiarimenti in merito all'Ufficio Tecnico, dal momento che dal DUP risulta tra gli obiettivi quello di ridurre il numero dei reclami. È intervenuto di nuovo Fratangeli per riportare la calma in aula, spiegando che l'Ufficio è tutt'ora sottodimensionato ed è necessario investire ancora sul personale. Ha in seguito lodato il personale per la capacità di individuare bandi per la richiesta di contributi vinti in questi anni.

Rapido invece lo scambio di vedute tra il consigliere e il Sindaco in merito ai veicoli che da via Canova si immettono sulla statale. «Bisogna prevenire e fare in modo che non succeda» ha detto Galbusera, ma il Sindaco ha spiegato che sono installate videocamere che permettono di sanzionare chi compie questa infrazione e quindi nessuno resta impunito.

Collegandosi alla recente scoperta di resti archeologici durante gli scavi a Olgiate, il consigliere Galbusera ha domandato cosa è stato pensato per valorizzare i beni storici e culturali. Palla presa al balzo dall'assessore Colombo che ha dichiarato che è stato chiesto più volte ai comuni di Calco e Brivio di collaborare, ad esempio per la realizzazione di un museo diffuso sul territorio, e che è anche stato consultato il dipartimento di archeologia dell'Università degli Studi di Milano.


Matteo Fratangeli


Chiesti poi ulteriori aggiornamenti sull'Area Nava. «La vendita del terreno alla Casa Ragazzi è stata un'ottima cosa» ha detto il sindaco. Ha informato che sono già stati versati gli oneri ed è stato ottenuto il permesso a costruire. Manca dunque poca per la partenza dei lavori. È stata ringraziata Cinzia Nadalini, responsabile dell'associazione "Ospiti per casa" per aver incentivato alla partecipazione a un bando per la rigenerazione urbana che permetterebbe di ottenere 500.000 euro circa a fondo perduto.

Si è battibeccato anche in merito al rischio idraulico di via del Calendone. In arrivo il preventivo da parte di Lario Reti. Sui tempi di realizzazione è tutto piuttosto incerto. Sicuramente non nel 2021. È prevista inoltre l'installazione di una vasca di laminazione sotto al campo di sabbia al centro sportivo per gestire i flussi di acqua piovana. Si auspica in un contributo da Regione Lombardia.

Sul progetto GreenWay ha parlato di nuovo l'assessore Matteo Fratangeli, che ha gestito la cosa sin dal principio, spiegando che il progetto verrà candidato al bando Emblematici di Fondazione Cariplo a giugno e ha il sostegno dei Comuni partecipanti e della Provincia. Continua la collaborazione con l'Università degli Studi di Milano che ha redatto lo studio di fattibilità e il coordinamento della Provincia, ci sono buone possibilità che il progetto verrà preso seriamente in considerazione e in ogni caso il lavoro svolto fin ora non andrà perso. Per i privati verrà rilasciato il permesso di passaggio. Espressi seri dubbi a riguardo da parte del consigliere Galbusera, che ha portato come esempio la trattativa avuta con R.F.I. definita "timida".

Ultimo punto su cui il consigliere ha chiesto aggiornamenti è stata la piattaforma ecologica, attualmente utilizzata anche dai cittadini di Calco. L'obiettivo è di realizzare un centro raccolta rifiuti funzionale per entrambi i Comuni. Bernocco ha dichiarato di essere in attesa di risposta da parte del comune di Calco per proseguire nell'operazione. L'intenzione di creare un'unica discarica per i due Enti c'è, ma è opportuno però che vengano rispettate le richieste da parte di entrambi.

L'ultimo acceso duverbio è stato scaturito da Galbusera che ha lamentato lo scarso impiego di risorse proprie del Comune. L'amministrazione si sarebbe limitata a realizzare interventi con fondi esterni. Il sindaco: «Abbiamo fatto delle scelte, ma rispetto all'amministrazione precedente abbiamo fatto tantissimo».

Messo ai voti, il DUP ha ottenuto otto voti favorevoli, mentre i quattro Consiglieri della minoranza si sono espressi contrari.
E.Ma.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco