Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 399.067.237
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/06/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc

Scritto Lunedì 26 aprile 2021 alle 13:34

Lomagna: 'non al passo con Osnago dove sorgono cantieri ovunque', lo sfogo di Sala

Al vaglio del Consiglio comunale di Lomagna il bilancio di previsione e delibere propedeutiche. Sull’IMU le percentuali di imposta per l’anno 2021 vedono un aumento dell’aliquota, dallo 0,90 allo 0,95, per i soli immobili ad uso produttivo - Categoria D. La sindaca Cristina Citterio ha specificato che non sia stata una scelta a cuor leggero, ma motivata da una necessità presentatasi a inizio anno sul fronte sociale, che ha richiesto un sostegno di 50 mila euro. Per quanto riguarda la delibera sull’IMU la minoranza ha votato contro perché non si attendeva un aumento. Si sarebbe potuto trovare un altro modo per far quadrare i conti, ha sostenuto il capogruppo di Uniti per Lomagna Mauro Sala. Il primo cittadino ha invitato la prossima volta a depositare un emendamento.
L’addizionale Irpef è stata confermata allo 0,80%. Anche in questo caso UpL si è espressa negativamente, in linea con le votazioni degli anni passati, chiedendo di passare a una riduzione della compartecipazione. La sindaca ha ribadito che non sarebbe possibile per sostenere il bilancio e garantire i servizi al cittadino. “Sono dieci anni che riceviamo la stessa risposta” la controreplica di Sala.
I toni si sono alzati da parte dell’opposizione sul bilancio di previsione. La condizione dell’asfalto di strade e marciapiedi ha portato il consigliere Alberto Bonanomi a dirsi vergognato di vivere a Lomagna. “Mi vergognerei di presenziare anche in Consiglio comunale” ha poi rafforzato il concetto con tono grave Bonanomi, in riferimento a Fumagalli. Tanto che pure il capogruppo di UpL ha rincarato: “Vice sindaco, torna la nostra idea iniziale quando l’abbiamo sfiduciato. L’unica è scansarsi dal video”.
Ferma la condanna dei toni e dei contenuti da parte di Citterio e Fumagalli. Nel merito il vice sindaco ha spiegato che il programma di asfaltature ordinarie potrà essere svolto solo dopo l’approvazione del bilancio e dopo l’affidamento dell’incarico al manutentore. Sui tratti di via Gargantini e via Milano, dove è intervenuta Lario Reti Holding sui sottoservizi, sarà cura e onere dell’azienda stessa di provvedere alla posa del nuovo manto stradale. È possibile che i tempi slittino per un probabile intervento di un’impresa telefonica da effettuare prima di riasfaltare. Per via Roma, dove sono in corso i lavori nel comparto residenziale, l’asfaltatura spetterà al lottizzante.
Mauro Sala ha spiegato l’assenza di emendamenti al bilancio con il fatto che sarebbero gli stessi che l’anno scorso erano stati bocciati. Con Irio Tiezzi è stata ribadita la richiesta di convocare la Commissione Bilancio prima che la Giunta approvi il bilancio di previsione. “Vista la scarsità di proposte, crediamo sia anche nell’interesse della maggioranza coinvolgere e rendere partecipativo il momento di progettazione delle voci di investimento” ha comunicato Sala. “Sempre le solite opere presenti ormai da anni, finanziate dai soliti bandi che poi non vengono mai vinti” rincarato il capogruppo di opposizione.
Poi la provocazione della minoranza nel confrontare i lavori pubblici tra Lomagna e il consociato Comune di Osnago. “La funzione associata con Osnago rende possibile stabilire in quale misura il nostro paese fatichi nel restare al passo con Osnago – ha espresso Sala come dichiarazione di voto negativo – Nonostante il responsabile per le opere pubbliche dei due Comuni sia lo stesso, si riscontra un divario significativo tra i progetti a bilancio di uno e dell’altro, probabilmente perché il responsabile delle opere pubbliche riceve input totalmente diversi dalle due amministrazioni. Ci dispiace rilevare l’insussistenza di questa amministrazione rispetto a quella di Osnago. Vorremmo vedere assessori e consiglieri più attivi e propositivi”. Critiche nello specifico sui progetti di efficientamento energetico della scuola media e della costituzione di un impianto di videosorveglianza sovracomunale, entrambi bloccati, “mentre ad Osnago si vedono sorgere cantieri ovunque” ha ribadito il capogruppo Sala. Un ribasso eccessivo di finanziamento ai settori di Cultura, Sport e Tempo libero. A fronte di un incremento del numero di residenti dovrebbero essere pensate nuove strutture e infrastrutture, secondo UpL. Il bilancio di previsione è stato approvato con i voti contrari del gruppo di minoranza.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco