Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 399.444.860
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/06/2021
Merate: 35 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 30 µg/mc

Scritto Domenica 25 aprile 2021 alle 08:41

Paderno: il gruppo AIDO ''Salomoni'' fa il bilancio 2020. Attività azzerate, soci stabili

Anche il consiglio direttivo del gruppo Aido "Andrea Salomoni" di Paderno, Robbiate e Imbersago si è riunito nella ormai consueta modalità streaming. L'assemblea presieduta dalla consigliera provinciale, Marta Fumagalli, si è aperta con la lettura della relazione morale relativa all'anno 2020, da parte del presidente del gruppo, Daniele Sorzi.
"L'indice demografico dice che al 31 dicembre 2020 il nostro gruppo conta 733 iscritti al
seguito dei vari aggiornamenti anagrafici (decessi, trasferimenti in entrata ed uscita), e 2 nuove adesioni" ha incominciato il Presidente a seguito del minuto di raccoglimento in ricordo di tutti gli iscritti, soci e donatori che sono venuti a mancare nel corso dello scorso anno.

Il presidente Daniele Sorzi

Per quanto riguarda le attività dell'associazione, il 2020 ha visto purtroppo un sostanziale annullamento dei consueti appuntamenti a causa della pandemia, comportando anche un notevole calo degli introiti vista la sospensione dei due eventi che da sempre garantiscono il maggior numero di partecipanti e di iscrizioni, ovvero la serata musicale "Note di Vita" e la 20esima camminata del 2 giugno "Quattro passi insieme perché la vita continui". Per quest'ultima anche l'edizione 2021 sarà annullata.
I soli incontri, infatti, che si sono riusciti a realizzare sono stati il presepe vivente, il 6 gennaio, e, il 3 ottobre, la giornata "Un anthurium per l'informazione" tenutasi in piazza Garibaldi ad Imbersago.
L'opera di informazione e sensibilizzazione alla cultura della donazione degli organi all'interno delle scuole ha subito anch'essa rallentamenti e limitazioni: alla primaria si sono incontrate nel mese di ottobre le quinte elementari di Paderno e Imbersago, per un totale di 74 ragazzi, mentre non si è riusciti a organizzare qualcosa con le classi di Robbiate. Nella secondaria di primo grado si sono incontrati invece 133 ragazzi, l'8 febbraio, proponendo loro il consueto concorso "A.I.D.O.: solidarietà e donazione" che si è stati poi costretti ad annullare.
Anche il CalendAIDO 2021, distribuito come di consueto agli Iscritti, non ha potuto realizzarsi con la raccolta di disegni eseguiti dai ragazzi delle primarie, pertanto ha visto pubblicati i disegni delle copertine degli ultimi 13 anni.

Giuseppe Brambilla

Dato il persistere dell'impossibilità a effettuare incontri in presenza anche per il 2021, Daniele Sorzi, ha spiegato il progetto messo in atto per le secondarie con la referente scolastica, prof.ssa Bernardo, "i docenti di scienze interessati a proporre alle classi il tema della donazione di organi riceveranno dal nostro gruppo materiale cartaceo e relativo supporto informatico. Cinque le sezioni su sette ad aver approvato. Quanto alle primarie è stata fatta la stessa proposta ma per ora solo Robbiate ha aderito".
Annullata la camminata, il Gruppo, si auspica di poter realizzare nell'ultimo semestre del 2021 i restanti incontri: la santa Messa di settembre con la consegna delle targhe ai famigliari dei donatori e la giornata di ottobre ad Imbersago.
A detta del presidente, che ha proseguito con la lettura dei dati del programma "Una scelta in comune", si è registrato un più che buon incremento dei consensi. A Imbersago sono 210 i favorevoli alla donazione e 74 i contrari, a Paderno 402 sono favorevoli e 122 contrari, e a Robbiate sono 816 favorevoli e 166 contrari.

Il Presidente ha concluso la relazione con una personale riflessione circa le attività di donazione e trapianto in questo difficile momento pandemico, "una frenata c'è stata ma contenuta. Come atteso, al conto dei danni del Coronavirus vanno aggiunti anche quasi 400 trapianti in meno, una riduzione del 10% rispetto al 2019".

Marta Fumagalli

Nel corso dell'assemblea si è trattato anche il punto relativo ai contributi a carico dei soci, laddove sia il presidente Sorzi che Giuseppe Brambilla, hanno concordato che il contributo rappresenti una donazione volontaria, non una quota fissa, in quanto fiduciosi che il gesto di iscriversi sia un atto di volontariato. Brambilla ha inoltre aggiunto che "nonostante l'anno pandemico i Soci hanno versato praticamente la stessa cifra degli anni precedenti".

In chiusura, il Presidente ha voluto lasciare un ultimo messaggio di incoraggiamento nei confronti dei giovani, prendendo proprio ad esempio e complimentandosi con la presente Marta Fumagalli, che ha riassunto brevemente la sua scalata amministrativa iniziata all'interno del Consiglio di Merate fino all'approdo al Consiglio provinciale. "Si ottiene indubbiamente consenso attraverso il lavoro di sensibilizzazione nelle scuole, ma quello che noto è che dopo l'eventuale iscrizione ci si ferma. Pochi sono i giovani che decidono di intraprendere il percorso a livello amministrativo, ed è un peccato, perché bisogna mettersi in gioco affinché queste organizzazioni locali continuino a sopravvivere" - ha concluso Sorzi.

Per leggere l'intera relazione del presidente Sorzi, CLICCA QUI

F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco