Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 399.446.381
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/06/2021
Merate: 35 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 30 µg/mc

Scritto Sabato 24 aprile 2021 alle 16:06

(dis) Avventura in un reparto ospedaliero

Buongiorno Direttore,
vorrei raccontarLe una piccola (dis) avventura capitatami oggi, sabato.
Mia madre è ricoverata da domenica in H Merate per il persistere di una febbre alta, 39/40 circa; tutta la settimana hanno effettuato una marea di esami, tac - eco - radiografie - esami ematici ecc, ma tutti con risultato negativo compreso due tamponi covid. Sta di fatto che da domenica ad ora, secondo il nostro parere di familiari, la situazione ci sembra sia peggiorata perché la mamma non è più in grado di parlare. Ebbene, dopo opportune ricerche sul sito dell'ASST leggo che c'è una disposizione che da indicazioni affinché ai pazienti ricoverati nei "reparti puliti" si dà la possibilità di ricevere la visita di un parente limitatamente all'orario di pranzo/cena. Forte di ciò, mi presento all'ingresso del reparto e faccio presente questa disposizione. Il medico mi dice che farla rispettare o no dipende dal reparto e cmq mi fa attendere fuori perché deve chiedere autorizzazione e mi dice che, se fosse positiva, sarei dovuto entrare "bardato". Rimango in attesa, ma poco dopo arriva un'altro medico che mi da diniego su tutto, mi dà indicazioni sullo stato di mia madre che già sapevo, ma riguardo l'ingresso è categorico il suo no anche se continuavo a dirgli che volevo vedere mia madre solamente dal di fuori della camera, niente. Mi dice di chiedere una autorizzazione straordinaria alla direzione sanitaria, oppure di fare una videochiamata col tablet del reparto!! Gli rammento che non è possibile fare la videochiamata perché mia madre non è in grado di parlare ed è sempre sopita a causa della febbre persistente e dei farmaci che le vengono somministrati, ma nulla da fare. A quel punto mi arrabbio e gli dico che avrei scritto ai giornali di questa cosa. Da parte sua.... spallucce!!! Mi chiedo solo una cosa: ma perché la direzione sanitaria fa una disposizione e poi dice che sono i reparti a decidere, lavandosene le mani? Mi scuso per la lungaggine dello scritto. Di seguito il link di riferimento.

http://www.asst-lecco.it/corona-virus/
 
Cordiali saluti.
Corrado
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco