Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 399.563.084
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 17/06/2021
Merate: 35 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 28 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 30 µg/mc

Scritto Mercoledì 21 aprile 2021 alle 22:01

Airuno, dal Quirinale risposta alle Iene su Carlo Gilardi: 'Una procedura della Magistratura'


Carlo Gilardi e Nina Palmieri

Nemmeno il Presidente della Repubblica ha il diritto o la possibilità di inserirsi in procedure affidate alla Magistratura. E' questo il succo della risposta all'appello lanciato dalla giornalista Nina Palmieri delle Iene al Capo dello Stato Sergio Mattarella sulla vicenda del professor Carlo Gilardi, che si trova da sei mesi in una RSA. La missiva è arrivata proprio ieri in serata, mentre andava in onda in tv l'ultimo servizio del programma (CLICCA QUI per leggere l'articolo). Fulcro della democrazia, scrive l'ufficio stampa della Presidenza, sono le regole, che le istituzioni devono rispettare. Spetterà dunque agli organismi preposti,  come il Garante per i diritti delle persone private della libertà personale, occuparsi del caso e accogliere le segnalazioni.
Di seguito la risposta completa:

Gentile Dottoressa Palmieri, in riferimento alla lettera del 18 marzo 2021 in cui si segnala il caso del Professore Carlo Gilardi, ci corre l'obbligo di ricordare che quelli di cui si parla sono compiti e responsabilità che, in base alla Costituzione, sono affidati alla Magistratura e, al di fuori delle parti coinvolte, nessuno — neppure il Presidente della Repubblica — ha il diritto o la possibilità di inserirsi in queste procedure.
La democrazia è presidiata da regole e le istituzioni devono rispettarle. Non mancano, peraltro, strumenti idonei, a partire dagli organismi di garanzia - come il Garante per i diritti delle persone private della libertà personale — in condizione di intervenire per una gestione rispettosa dei diritti di ciascuno.

Certamente le diverse istanze della Magistratura e questi organismi saranno in grado, anche nel caso da voi evidenziato, di prendere in considerazione segnalazioni motivate.

L'Ufficio Stampa della Presidenza della Repubblica
Articoli correlati:
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco