Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.140.583
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Venerdì 16 aprile 2021 alle 09:26

Robbiate: in cc palestre esentate dalla Tari e il piano di diritto allo studio. Unanimità

Nel corso del consiglio comunale di Robbiate, svoltosi lunedì sera, si sono affrontati una serie di punti tra cui l’approvazione del nuovo regolamento per la disciplina della tassa sui rifiuti (TARI) relativa all’anno 2021. Il consigliere di maggioranza, Gianfranco Brivio, ha esposto la questione riservandosi di soffermarsi sulle nuove disposizioni che consentirebbero la riduzione della tassa ad alcune categorie, anche nell’ottica di venire in contro alle esigenze e alle problematiche che stanno emergendo nel territorio. In questo senso, le utenze domestiche con disagio socio-economico che soddisfano una serie di requisiti (ISEE, componenti nucleo famigliare, titolari di Reditto di Cittadinanza o Pensione) verranno esentati dalla Tassa sui Rifiuti, tramite l'azzeramento di una sola rata.



Un’altra variazione introdotta è stata quella di dare la possibilità alle utenze non domestiche di usufruire di un gestore diverso da quello del servizio pubblico. Per poter accedere al servizio è richiesto di presentare tutta la documentazione necessaria entro il 31 maggio. Allo stesso modo sarà possibile riprogrammare il rientro con il gestore comunale entro il 30 settembre dell’anno precedente a quello di rientro. Il regolamento ha visto l’approvazione all’unanimità e la sua immediata esecutività.





A prendere la parola dopo Brivio è stato il consigliere con delega al bilancio, Federico Scuglia, che si è occupato del quarto punto all’ordine del giorno ovvero l’Approvazione del Piano Finanziario del servizio di gestione dei rifiuti e approvazione delle tariffe ai fini TARI, relativo all’anno 2021. Il PEF del servizio di gestione dei rifiuti urbani relativamente ai costi delle attività svolte direttamente dal comune si è tradotto nel costo complessivo di 859.974.12 euro. Come presentato dal consigliere Scuglia, il costo complessivo è poi soggetto a due ripartizioni: la prima tra costi fissi e variabili e la seconda tra utenze domestiche e non domestiche.





“A fronte del perdurare dell’emergenza epidemiologica e visto che tutte le palestre site sul territorio comunale di Robbiate dalla data dell’ultimo DPCM del 13 di ottobre 2020 sono rimaste chiuse, l’Amministrazione comunale ha deciso per l’anno corrente di esentarle dalla tassa rifiuti” ha dichiarato il consigliere Scuglia “Per quanto riguarda le scadenze di pagamento delle rate sono state inserite due date: il 31 maggio 2021 (prima rata) e il 2 dicembre 2021 (seconda rata), salvo la possibilità di versare l’intera quota entro lo scadere della prima”. Anche l’approvazione ha ottenuto la totalità dei voti favorevoli e la sua immediata esecutività.




“Mi sembra quasi superfluo sottolineare quanto sia stato difficoltoso e mortificante dare attuazione agli obbiettivi fondamentali del piano nel periodo contingente alla pandemia. I progetti sono stati pochissimi e nessuno è stato erogato nelle forme che siamo stati abituati a conoscere. Colgo l’occasione per complimentarmi circa la collaborazione venuta a crearsi tra Comune e scuola con l’obiettivo di reinventare e rimodulare i servizi e sostenere il piano dell’offerta formativa”, questa la premessa dell’Assessore con delega all’istruzione, Antonella Cagliani, che ha presentato in consiglio il Piano per il Diritto allo Studio relativo all’anno 2020-2021.



Clicca sull'immagine per ingrandire

“Gli interventi più significativi sono stati quelli conferiti al servizio mensa, tra cui si è reso necessario richiedere un contributo all’associazione “Il Grappolo” per la sorveglianza durante il pasto, sia per la scuola Primaria che Secondaria. Inoltre, il fatto di dover velocizzare il servizio di lavaggio stoviglie a fronte dell’inserimento di più turni, ha reso necessario l’acquisto di stoviglie biodegradabili di cui si è fatto carico in parte il Comune. Nell’aumento dei costi vi sono anche le spese relative alla sanificazione che, mentre alla Primaria sono a carico dell’Azienda che gestisce la mensa, all’interno della scuola dell’Infanzia ha dovuto intervenire il Comune” ha spiegato l’Assessore. “I servizi di pre- e post-scuola sono stati riproposti, il solo a non essere partito è stato quello per l’Infanzia (post-asilo) a fronte della mancanza di richieste. Per quanto riguarda il pre-scuola alla Primaria, che quest’anno si tiene in palestra, visto l’aumento dei costi, l’Amministrazione si è fatta carico di pagare la differenza tra la quota chiesta di norma alle famiglie e quella aumentata”.
“Con il nuovo accordo di programma con l'Istituto Comprensivo il Comune ha visto una riduzione del contributo scolastico per alunno frequentante, poiché a fronte della chiusura delle scuole non è stato possibile attuare diversi progetti oppure questi sono stati realizzati solo in parte. Dunque il contributo che il Comune ha versato all'Istituto, fissato di norma in 57 euro per alunno frequentante, si è ridotto a 37 euro – ha continuato Antonella Cagliani – i costi relativi ad arredi e materiale didattico sono stati notevoli in vista della necessità di riorganizzare gli spazi, mi preme invece sottolineare che nei costi di ristrutturazione ordinaria e straordinaria non sono rientrati quelli per la ristrutturazione della connessione”.
Anche il Piano per il Diritto allo Studio ha conquistato parere favorevole all’unanimità e immediata eseguibilità.
F.Fu.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco