Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 393.348.964
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Giovedì 15 aprile 2021 alle 08:23

Osnago: Natalia Maraffini  trionfa al concorso letterario natazionale ''Lingua Madre''

Natalia Maraffini
La 16 ª edizione del concorso letterario nazionale "Lingua Madre. Racconti di donne straniere in Italia", progetto permanente della Regione Piemonte e del Salone internazionale del libro di Torino, è stata vinta da una giovane autrice originaria dell'Argentina, da 15 anni residente a Osnago. Si tratta di Natalia Marraffini, classe 1991, laureata in scienze filosofiche e attualmente insegnante presso le scuole superiori. Il suo libro di esordio nel 2020 è stato "Off-line. Zona Rossa" cui hanno fatto seguito racconti du diverse riviste letterarie e nei suoi scritti mentre al centro il tema delle donne, l'emancipazione e riflessioni su violenze, abusi, vissuto personale. Dal 2021 produce il un podcast Confessioni di una millennial e nei suoi scritti mette al centro l'universo femminile, l'emancipazione e temi importanti quali violenze e abusi, senza dimenticare esperienze vissute in prima persona. Con La straniera segreta, ha vinto appunto questo prestigioso premio con la seguente motivazione: «Per lo sguardo positivo e attento sull'estraneità, la marginalità, la non appartenenza, il muoversi sui confini che segna un'esperienza autentica del mondo di oggi. Un racconto evocativo, a tratti analitico, che riesce a trasmettere il senso di smarrimento che può provare la figlia o il figlio di genitori migranti. Un racconto denso di consapevolezze, di sé in quanto donna e dunque dei propri desideri. Molto significativa la centralità della scuola, sia in quanto studente sia in quanto docente; la scoperta di essere "straniera segreta", non diversamente dai ragazzi e dalle ragazze alle quali impartisce le lezioni l'io narrante, attribuisce all'istituzione quel valore e quella centralità la cui mancanza, in questi tempi di pandemia, è motivo di afflizione per tutte le giovani e i giovani. Perché la scuola non è solo luogo di apprendimento: è dagli sguardi delle e degli altri che proviene la conoscenza di sé, ed è dal rispecchiamento reciproco che impariamo il rispetto e l'autodeterminazione».


Il Concorso letterario nazionale Lingua Madre è un progetto permanente della Regione Piemonte e del Salone Internazionale del Libro di Torino, che opera sotto gli auspici del Centro per il Libro e la Lettura con il patrocinio di Ministero dei Beni e delle Attività Culturali, We Women for Expo, Rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Pubblicità Progresso Fondazione per la Comunicazione Sociale.
L'autrice sarà premiata nell'ambito del salone internazionale del libro, previsto tra il 14 e il 18 ottobre 2021 e alla cerimonia presenzierà anche il sindaco di Osnago Paolo Brivio che si è complimentato con Natalia per il prestigioso risultato conseguito.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco