Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.732.839
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/05/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Mercoledì 14 aprile 2021 alle 12:24

LIBRI CHE RIMARRANNO/18: ''Inferno'' di Dan Brown

Qualche settimana fa parlavo al telefono della nostra rubrica dantesca con una giornalista già corrispondente da San Francisco e poi per China Daily di Pechino (ché Dante, o Merateonline, o tutti e due insieme, e anche un po’ Motta, why not?, “tirano” ben più lontano di quanto non si creda), e tra una chiacchiera su Jack Kerouac e un’altra su Jeffery Deaver si è finiti a parlare degli spin off danteschi, Dan Brown compreso.
Volavamo alto nei nostri centoni di critica letteraria, tra la Pivano, e la Merini, e Amos Oz, e Steiner, e il nome di Dan Brown è deflagrato come un’anticlimax. E a metterlo in mezzo ero stato io.
Con un’excusatio non petita ho subito messo le mani avanti: “io ho un lato nazionalpopolare, di quelli che amano il Festival di Sanremo, per esempio, e non disdegno incursioni nella cosiddetta paraletteratura”. Ed eccomi perciò a pagare il fio.
Titolo, profilo aquilino del Sommo in copertina, ambientazione fiorentina – almeno per parte del romanzo – autorizzano a inserire “Inferno”, di Dan Brown, nella schidionata di titoli che ruotano attorno al mondo di Dante in questo settecentenario dalla morte.
Poi sono autorizzate anche le alzate di sopracciglio: tante sono le incongruenze storiche e i voli pindarici che Dan Brown compie nei suoi romanzi, che pure non hanno loro impedito di diventare dei best sellers a livello internazionale e dei blockbusters al cinema.
Anche “Inferno” ha avuto la sua brava trasposizione cinematografica, e forse mai come per questo romanzo, più ancora che per “Il Codice da Vinci” e “Angeli e demoni”, vale l’adagio “meglio il libro del film”.
Perché i libri di Dan Brown permettono in effetti una gara, ingaggiano il lettore in una sorta di caccia al tesoro nella quale, carta geografica e guide Touring alla mano, si cerchi di arrivare noi prima di Langdon a decifrare gli enigmi proposti di volta in volta dalla tal setta, o dal tal visionario. In questo la ricetta dei libri di Dan Brown è molto semplice, stereotipata, prevedibile e per ciò stesso efficace. C’è forse troppa carne al fuoco in questo “Inferno”, tra Dante e Botticelli e Vasari, ma del resto quando uno è a Firenze non può non essere preso dalla vertigine di voler tenere tutto insieme.
Ne parlavo oggi in libreria, facendo compere mentre mio figlio era sotto i ferri del dentista a mettere l’apparecchio: da quando c’è stato il covid i libri che raccontano storie di virus vendono come non mai.
Anche “Inferno” racconta di un virus: il film è, nel suo happy end che ribalta lo scritto, più consolante. Il romanzo è rassegnato e disarmante. Ci rendiamo conto adesso, in questo matto biennio, che ancora una volta aveva più ragione il libro del film, purtroppo.
Articoli correlati:
06.04.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/17: ''Il circolo Dante'' di Matthew Pearl
30.03.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/16: ''Nella pietra e nel sangue'' di  Gabriele Dadati
23.03.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/15: ''L’ultimo Catone'' di Matilde Asensi
16.03.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/14: ''Il manoscritto di Dante'' di Claudio Coletta
10.03.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/13: ''Bianco come Dio'', di Nicolò Govoni
02.03.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/12: ''Non c’era una volta...'' di Aldo Martina
23.02.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/11: ''Pape Satàn Aleppe. Cronache di una società liquida'' di Umberto Eco
16.02.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/10: ''Il codice Debussy'' di Lorenzo Della Fonte
09.02.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/9: ''L'incontro'' di Vincenzo Cerami
02.02.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/8: ''L'architettrice'' di Melania G. Mazzucco
20.01.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/7: ''Una sorpresa per Euforbia'' di Luigi Ballerini
12.01.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/6: la divina commedia a fumetti di Marcello Toninelli
05.01.2021 - LIBRI CHE RIMARRANNO/5: ''Sabotaggio'' di Arturo Pérez-Reverte
29.12.2020 - LIBRI CHE RIMARRANNO/4: ''I prati dopo di noi'' di Matteo Righetto
22.12.2020 - LIBRI CHE RIMARRANNO/3: ''Natale del 1833'' di Mario Pomilio e ''Oratorio di Natale'' di Göran Tunström
15.12.2020 - LIBRI CHE RIMARRANNO/2: ''L'inverno più nero'' di Carlo Lucarelli
08.12.2020 - LIBRI CHE RIMARRANNO/1: 'V2' di Robert Harris
Stefano Motta
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco