Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 393.344.814
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 06/05/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 10 µg/mc
Lecco: v. Sora: 13 µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Mercoledì 14 aprile 2021 alle 10:40

Santa Maria: si è spento ad 82 anni Giuseppe Galbusera, detto Camilet. Era attivissimo in paese


Camilet impegnato in cucina durante una festa del paese

Santa Maria perde uno dei suoi pilastri. Si è infatti spento ad 82 anni Giuseppe Galbusera, conosciuto da tutti come 'Camilet', nato e vissuto in paese per una vita intera e benvoluto da tutti. Aveva lavorato come muratore, e una volta raggiunto il traguardo della pensione, oltre 30 anni fa, aveva iniziato a dedicare anima e corpo alle varie associazioni di Santa Maria. Da giovane era stato tra i fondatori della bocciofila, arrivando a vincere diverse competizioni a livello provinciale e regionale.



Durante l'edizione 2015 del 'Rock@Santa'

Il figlio Diego ha raccontato commosso: "Quando c'era da lavorare, lui c'era sempre". Un uomo instancabile, profondamente affezionato al gruppo degli Alpini del Monte San Genesio e membro attivissimo del comitato feste locale. Una volta chiusa la bocciofila, infatti, Camilet aveva iniziato a darsi da fare per i vari eventi del paese, primo fra tutti il 'Rock@Santa' e la festa della Beata Vergine, in settembre. Molto attivo anche sul fronte sportivo, faceva il volontario curando la palestra e il campo da calcio, dando una mano al GSO. Una passione, quella per lo sport, che Galbusera ha trasmesso anche alla famiglia, tanto che una delle nipoti, Camilla, gioca a calcio, e il nonno è sempre stato il suo primo tifoso, sempre in prima fila durante i match.


Con la nipote Camilla dopo la vittoria ad un torneo di calcio

Legato a don Carlo Turrini, si dedicava anche alla chiesa e all'oratorio. Tutti, insomma, a Santa Maria portano nel cuore Camilet, chi per le bocce, chi per lo sport e chi per i gustosi piatti che cucinava con passione alle feste. Avrebbe spento 83 candeline il prossimo dicembre, ma l'aggravarsi di un'infezione l'ha portato via. Una volta diffusasi la notizia della sua morte, sono stati in tanti a voler lasciare un pensiero, stringendosi attorno alla famiglia in questo momento difficile. Tra loro anche il sindaco Efrem Brambilla, che ha voluto ricordare il suo impegno profuso per Santa Maria Hoè.
Giuseppe Galbusera lascia l'amata moglie Rita, la figlia Grazia con il marito, il figlio Diego con la consorte e quattro nipoti.
Le date delle esequie non sono ancora state stabilite.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco