Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.733.795
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/05/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Martedì 13 aprile 2021 alle 16:29

Montevecchia: la Giunta vota per il protocollo di ''vicinato''

Anche il Comune di Montevecchia aderirà al Protocollo d'intesa di durata biennale per il Controllo di Vicinato proposto dalla Prefettura di Lecco e al relativo vademecum operativo, finalizzato a definire gli aspetti tecnici e organizzativi del progetto. È quanto ha stabilito la Giunta montevecchina il 10 aprile. Con la Prefettura di Lecco andranno concordati tempi e modalità di sottoscrizione del Protocollo d'intesa stesso. Come indicato dall'Ufficio Territoriale di Governo in fase di proposta a gennaio, l'accordo si inserisce nell'ottica di una collaborazione tra istituzioni e società civile e "favorisce ogni possibile forma di impegno dei cittadini per osservare e segnalare alle Forze dell'Ordine situazioni di pericolosità e contribuire così a contrastare fenomeni di degrado della vita collettiva, nell'ottica di un sistema di sicurezza partecipata, definibile appunto come ‘Controllo di Vicinato'". Tra gli obiettivi anche il rispetto della legalità, il dialogo tra le persone, l'integrazione, l'inclusione sociale, lo sviluppo del senso civico di appartenenza alla comunità di residenti. Il tutto per una migliore vivibilità delle zone residenziali.

Il Comune si impegna così a elaborare un progetto di controllo del vicinato coinvolgendo i cittadini. A Montevecchia esiste dal dicembre 2015 un gruppo che ad oggi è formato da due coordinatori, 343 aderenti alla pagina social dedicata e 150 iscritti alla chat di WhatsApp. Da Protocollo i referenti dovranno essere comunicati alla Prefettura e il Comune dovrà vigilare affinché l'azione del gruppo sia di mera osservanza e non degeneri in comportamenti imprudenti, compresi i pattugliamenti.

M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco