Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 392.861.493
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 04/05/2021
Merate: 23 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 18 µg/mc
Lecco: v. Sora: 17 µg/mc
Valmadrera: 14 µg/mc
Scritto Lunedì 12 aprile 2021 alle 16:49

Montevecchia: in consiglio il rinvio della delibera di Retesalute e il bilancio '21-'23

Consiglio comunale dedicato al bilancio di previsione quello che si è riunito a Montevecchia nella mattinata di sabato 10 aprile. In apertura, il sindaco Franco Carminati ha proposto il rinvio del punto all'ordine del giorno relativo alla scioglimento mediante liquidazione volontaria di Retesalute, rimasto in sospeso dopo che il Comune di Olgiate ha avanzato la richiesta per un nuovo parere da parte della Corte dei Conti lombarda, sostenendo che la procedura individuata dall'assemblea dei soci dell'azienda speciale (indicata come via più corretta dalla stessa Corte dei Conti in un precedente pronunciamento) possa essere accantonata per seguire una strada più ''morbida'' che non preveda necessariamente la chiusura di Retesalute per ripianare le perdite accumulate. Accettata la proposta del rinvio del punto all'ordine del giorno in questione, il consigliere di opposizione Davide Blatti ha domandato all'assessore ai servizi sociali Patrizia Adamoli quanto il Comune usufruisca effettivamente dei servizi dell'azienda speciale in crisi. Secondo l'assessore interpellato, il supporto di Retesalute in molti campi dell'ambito sociale è molto rilevante, e in alcuni casi, ha spiegato, la macchina amministrativa comunale dovrebbe avere una capacità di organizzazione interna molto più elaborata per far fronte a determinati servizi, come ad esempio quello della tutela minori. ''Ne farei più che altro un discorso di tipo economico'' ha aggiunto Adamoli. ''L'economia di ciò che è offerto è decisa da Retesalute stessa, ma dal mio punto di vista si potrebbe fare meglio. I Comuni piccoli come il nostro non hanno molta capacità contrattuale e devono attenersi ai prezzi stabiliti''. ''Non ci sono dubbi sul fatto che quello che la situazione dell'azienda sia un grande guaio'' ha poi commentato Carminati. ''Per il lavoro che ha svolto nell'ultimo anno, il nuovo consiglio di amministrazione merita stima per il coraggio che ha avuto. Tutti i sindaci convengono sull'indispensabilità di questa azienda, ma convengono anche sul fatto che vada rinnovata e ripristinata. Rispetto ai problemi finanziari si sono mosse persone molto qualificate e questa delibera che oggi rinviamo è il frutto di un anno del loro lavoro''. Il dibattito su questo punto si è concluso con l'intervento del consigliere Blatti che ha proposto all'Amministrazione di avvalersi di un ''piano B'' per mantenere i servizi essenziali forniti da Retesalute, qualora le cose per l'azienda si complicassero ulteriormente, mentre il consigliere Marco Panzeri ha chiesto se è stato previsto l'accantonamento di una cifra per il ripiano della quota parte del debito accumulato. Carminati ha risposto che oltre ai 32mila euro previsti un anno fa non sono stati previsti ulteriori ''risparmi'' per questa vicenda.



Il consiglio comunale si è quindi espresso unanimemente a favore delle dimissioni del consigliere Freedom Pomini di ''Montevecchia Insieme'', in rotta con il gruppo di maggioranza perché - come sottolineato dal sindaco - ''non ha mai accettato le sostituzioni delle persone che sono uscite dalla giunta''. E' seguito dunque il corposo capitolo del bilancio, iniziato con la conferma senza aumenti né diminuzioni rispetto all'anno scorso delle aliquote Irpef e Imu. Passando alla trattazione del punto relativo al documento unico di programmazione, il dibattito è stato piuttosto snello data la premessa del vicesindaco Edoardo Sala, cioè che l'Amministrazione ritiene l'atto secondario, seppure obbligatorio, ed è organizzato come una sorta di riassunto rispetto a varie dinamiche dell'ente. L'attenzione è quindi passata subito dopo all'analisi del bilancio di previsione triennale. Nella sua illustrazione, Sala ha chiamato in causa molte voci partendo dalle entrate. Tra le novità sono previsti i 12mila euro che il Comune intende incassare mediante la creazione di aree di sosta a pagamento per i visitatori dell'alta collina. Tra gli ingressi previsti tramite contributi di enti superiori figurano 30mila euro della Regione e 100mila euro dallo Stato, questi ultimi relativi alla messa in sicurezza delle strade. Altri 179mila euro in entrata sono previsti dall'Amministrazione come contributo per la messa in sicurezza di via Valfredda e dello svincolo di via Como su via Artigiani. Per quanto riguarda il bando borghi promosso invece dalla Regione, il Comune prevede di incassare 222.400 euro. La destinazione di questi fondi sono stati meglio illustrati dal vicesindaco quando è passato ad analizzare gli investimenti. In questo caso il vicesindaco ha parlato della previsione di spendere 151.250 euro per l'intervento di riqualificazione energetica delle scuole media intercomunale di Cernusco. La stessa cifra è stata prevista anche in entrata tramite l'accensione di un mutuo, sempre che non si sblocchi la procedura di finanziamento tramite bando al momento ferma in attesa della valutazione dell'Anac, l'agenzia nazionale anticorruzione. Il sindaco Carminati, su questo argomento, ha spiegato che l'Amministrazione intende in ogni caso confermare la ''disponibilità assoluta'' nel realizzare l'opera, anche se sarà ''impossibile'' che venga avviata quest'anno.



Tra gli investimenti, ha poi proseguito Sala, figurano 279mila euro di sistemazione delle strade, cifra sovrastimata - ha chiarito il vicesindaco - di almeno 70mila euro in meno che arriveranno dal contributo regionale (come detto il Comune prevede di incassare ''solo'' 30mila euro per questo capitolo), dei quali faranno parte i fondi destinati ad alcune sistemazioni importanti come quella della parte iniziale di via San Francesco. Scorporato in questo capitolo del bilancio l'importo previsto con il bando borghi. I 222mila euro saranno suddivisi in 85mila euro per l'acquisto degli impianti di Ztl per l'alta collina, 115mila euro per la sistemazione del Sentiero Oliva e 50mila euro per l'acquisto delle postazioni per le biciclette dalla pedalata assistita. Su domanda del consigliere Blatti, il sindaco ha risposto che il primo di questi interventi avrà la precedenza rispetto agli altri qualora il Comune non dovesse ottenere un finanziamento dal bando in questione. Infine, per quanto riguarda la manutenzione straordinaria degli immobili pubblici il Comune ha inserito una cifra di 250mila euro, in buona parte relativi alla riqualificazione del centro sportivo comunale. Tra i principali argomenti di discussione, quest'ultimo è stato ripreso anche durante la trattazione di un emendamento proposto dal consigliere Marco Panzeri, il quale ha sostanzialmente chiesto di prevedere a bilancio 7mila euro per le spese che dovranno essere affrontate con le prossime elezioni comunali e di trasferire 30mila euro previsti alla voce manutenzione degli immobili comunali a quella della manutenzione degli impianti sportivi. Secondo Panzeri quella cifra dovrebbe essere impegnata per eseguire presso il centro sportivo tutta una serie di sistemazioni a contorno della riqualificazione degli spogliatoi. Nel chiarire che l'Amministrazione è consapevole che oltre agli spogliatoi il centro richiede diversi interventi di finitura, il vicesindaco Sala ha annunciato che, a seguito di un confronto con l'As Montevecchia, il Comune procederà con la sistemazione di uno dei due campi da calcio a 7. A questo punto ha preso la parola il consigliere Blatti, il quale ha chiesto a Sala se sia ''consapevole che questo intervento non è desiderato dall'associazione sportiva e non risolve le problematiche'' del centro sportivo. Sia Sala che il sindaco Carminati hanno replicato lasciando intendere che il punto di vista espresso da Blatti non aderisca a quello emerso nei confronti che l'Amministrazione ha avuto con l'As Montevecchia. Respinto l'emendamento di Panzeri e approvato il bilancio, il consiglio comunale in chiusura ha nominato il dr. Lisi Alessio Domenico nuovo revisore dei conti del Comune.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco