Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 413.139.794
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Lunedì 12 aprile 2021 alle 15:12

Lomagna: nel Consiglio aperto presentati bilancio preventivo e relativi investimenti

Il Piano triennale degli investimenti di Lomagna prevede alcuni interventi "storici" e altri nuovi. Nel 2021, per 98.400 euro, si prevede la manutenzione straordinaria degli alloggi popolari. Nell'anno in corso, con 60 mila euro, anche la certificazione antincendio alla palestra. Sempre per la struttura sportiva, ma nel 2022, vengono stimati 98 mila euro per rifare l'impianto idrico e sanitario, già causa di alcuni problemi negli anni passati. Alla scuola primaria nel 2022 saranno incaricati la verifica e l'adeguamento antisismico per 80 mila euro. Alla casetta dell'acqua ci saranno dei lavori per far sì che il servizio funzioni attraverso l'utilizzo della tessera sanitaria, così come di recente avvenuto per l'ingresso all'isola ecologica. 167.500 euro nel 2021 per la messa in sicurezza del parcheggio del municipio. Tra le opere trascinate a lungo: il milione e mezzo per l'efficientamento energetico della scuola media, i 297.600 per la rotondo di via del Mulino/via Giotto, i 334 mila euro tramite accensione di un mutuo per la manutenzione straordinaria di via Donatori del sangue, il sistema di irrigazione del campo sportivo di via Volta e la copertura delle tribune. Infine 380 mila euro destinati alla manutenzione del cimitero, per vialetti, masselli, impianto di illuminazione.



È quanto ha sostenuto l'assessore al Bilancio Pierangelo Manganini nel corso del Consiglio comunale aperto di settimana scorsa, in cui i cittadini hanno potuto esprimere dubbi e proposte. L'assessore ha annunciato un aumento dell'aliquota IMU (da 0,90 a 0,95) per i soli immobili ad uso produttivo - Categoria D. Ciò produrrà un aumento delle entrare di circa 50 mila euro. Manganini ha sottolineato che le imprese industriali beneficeranno di una deducibilità per gli immobili industriali pari al 60% dal 2020 al 2021 e dal 2022 del 100%. Ci sono inoltre altri 20 mila euro in più di entrate sul fronte IMU legato ad un aumento del gettito atteso.
Un deciso (e anomalo) aumento della Tari e dei costi della società partecipata Silea. Un incremento che arriva rispetto al 2020 fino al massimo consentito dell'1,6%. Dunque da 520 mila euro a 547 mila euro. Ciò non basterà a coprire i costi di Silea che arriverebbero a 570.771 euro. Il surplus sarà a carico del bilancio comunale, quindi sempre dei cittadini. Nel corso del Consiglio comunale Manganini ha riferito che i proventi di Silea sono in diminuzione perché l'inceneritore per sei mesi è stato fermo e non è stata così venduta energia. Ha anche precisato che questo fattore non può essere imputato sulle tariffe.
20.100 euro con l'utilizzo dell'avanzo di amministrazione è l'impegno a fronte della perdita presunta dell'esercizio 2019 di Retesalute.
La parola è passata ai cittadini. Il signor Gianluca Pellegrini ha domandato se, alla luce dell'incremento demografico, l'amministrazione abbia pensato a come attrezzare le strutture scolastiche nel caso in cui la popolazione scolastica dovesse aumentare. La sindaca Cristina Citterio ha rassicurato che la situazione è monitorata e che comunque gli spazi sono fruibili e largamente capienti al momento.




L'assessore Elena Gandolfi ha osservato che l'andamento demografico, in linea con il dato nazionale, è di un progressivo invecchiamento. Ne è a testimonianza il numero ridotto di iscritti alle classi prime dell'elementare.
Il signor Eugenio Brivio, residente in via Donatori del sangue, ha domandato chiarimenti sull'intervento previsto in quella zona. È stato spiegato che il mutuo avrebbe durata trentennale. Il problema è programmare le rate, ha sostenuto il primo cittadino. L'assessore Manganini ha aggiunto che il punto sta nel rendere esecutivo il progetto e diventare proprietari della strada.
Una serie di input è arrivata dalla signora Roberta Riva. Tra questi la proposta di avviare un progetto di sostegno psicologico, visto il particolare momento nel vivere la socialità. O anche una campagna di sensibilizzazione e informazione sull'importanza del supporto psicologico. La sindaca ha replicato che l'attenzione al tema da parte dell'amministrazione non manca e che, sfruttando il sottoconto aperto con la Fondazione Comunitaria del Lecchese, si sosterrà la "povertà educativa". Una progettualità allargata al territorio coinvolgendo le realtà sociali locali. Su Retesalute Citterio ha ribadito che è stato scelto di accantonare 20 mila euro che è quanto di certo è stato registrato nella bozza di bilancio 2019 dell'azienda speciale. Ha auspicato l'unitarietà del territorio sulla linea da assumere circa il futuro di Retesalute. Con l'intervento successivo di Giuseppe Valentino, che ha domandato se quell'accantonamento sia tutto ciò che spetta a Lomagna, la sindaca ha aggiunto che ci sarebbero altri 100 mila euro circa non ancora scritti nel bilancio ma di cui l'amministrazione sta tenendo in mente di trovare la necessaria copertura.
Il signor Carlo Cereda è tornato, come ormai da diversi anni a questa parte in sede di Consiglio comunale aperto, a chiedere investimenti per la realizzazione di piste ciclabili. Ha lamentato alcuni problemi al parco giochi, per cui Citterio ha avvisato che sono in via di analisi e risoluzione.
Il bilancio sarà approvato nel Consiglio comunale del 22 aprile.
M.P.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco