Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 399.370.162
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/06/2021
Merate: 22 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 20 µg/mc
Lecco: v. Sora: 27 µg/mc
Valmadrera: 22 µg/mc

Scritto Venerdì 09 aprile 2021 alle 21:41

Mandic: va tutto bene, parola di sindaco (che interloquisce regolarmente col D.G.)

Un quarto d'ora, al lordo dell'appello. Tanto è bastato al Consiglio comunale di Merate per liquidare la questione Mandic, derubricandola a tema di secondaria importanza. Quanti - pochi per la verità - avevano avuto parole critiche verso l'editoriale sul quale accusavano la minoranza di insipienza, adesso c'è da sperare si siano ravveduti, prendendo atto che c'è modo e modo di svolgere quel ruolo. E Aldo Castelli, con i suoi colonnelli Alessandro Pozzi e Roberto Perego, quel ruolo lo svolgono a livello di puro passatempo. Senza dedicare l'impegno necessario a capire, parlare con gli addetti ai lavori, raccogliere informazioni, operare paragoni con ospedali di 1° livello (Castelli nemmeno è al corrente della classificazione del Mandic).

Il capogruppo dell'inutile "Cambia Merate", in replica alle risposte date dal Sindaco all'interrogazione - peraltro ben scritta - si è sgarellato in ringraziamenti nei confronti del primo cittadino il quale, riconosciamogli la buona fede, in apertura di dibattito aveva premesso di aver girato l'interrogazione ai dirigenti dell'ASST - cioè all'oste - chiedendo loro di rispondere - cioè di affermare che il vino in mescita è quello buono.

Cavolo ma veramente, si può cadere così in basso dopo venticinque anni di Aula? Non si è accorto il capogruppo di opposizione che il documento letto con i consueti slittamenti dal Sindaco porta la firma del direttore sanitario d'azienda, del direttore sanitario di presidio e dei primari Crespi di Medicina, Rocca di Ortopedia e Costanzi di Chirurgia e nessun altro?

La morale, signore e signori, è che il Mandic non ha sostanzialmente pecche e anzi, ancora una volta, sono i cittadini lamentosi e la stampa avversaria a dipingere uno scenario che non esiste.

Parola di sindaco, che interloquisce regolarmente con il direttore generale.

Requiescat in pace.

Claudio Brambilla
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco