Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 390.049.594
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/04/2021
Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 11 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 11 µg/mc
Scritto Giovedì 08 aprile 2021 alle 10:08

Persone invalide dimenticate?

Quello dei vaccini per le persone invalide è un altro grosso problema.
È vero, avrebbero dovuto chiamarle appena terminati gli ottantenni.
Se li sono persi per strada?
Inoltre il fatto che gli invalidi non si devono prenotare è pericoloso, perché si rischia veramente che nessuno li chiami.
E poi, per quale motivo tra il “personale scolastico” sono comprese anche tutte quelle persone che non lavorano a contato con gli studenti? (come gli impiegati, i cuochi delle mense scolastiche, eccetera).
Hanno adottato lo stesso criterio anche nelle strutture sanitarie? Hanno vaccinato subito anche il personale che non è a contato con i pazienti? (impiegati, magazzinieri, fattorini, eccetera…).
E gli invalidi intanto aspettano la chiamata (del Signore!).
Un lettore
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco