Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 390.056.678
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 15/04/2021
Merate: 17 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 11 µg/mc
Lecco: v. Sora: 10 µg/mc
Valmadrera: 11 µg/mc
Scritto Giovedì 08 aprile 2021 alle 08:46

Airuno: ANAS chiude l'accesso alla casa cantoniera lungo la Sp72, occupata da ignoti


Sono stati effettuati mercoledì i lavori per rendere inaccessibile la chiusura della casa cantoniera di Airuno. Nei giorni scorsi, infatti, durante uno dei periodici sopralluoghi della Polizia Locale, gli agenti hanno notato tracce evidenti di un recente passaggio di qualcuno che, con ogni probabilità, aveva utilizzato l'edificio come rifugio. "I vigili ci hanno informato immediatamente del fatto" ha raccontato il primo cittadino, Alessandro Milani, spiegando che è stata fatta dunque la segnalazione all'Anas, Azienda Nazionale Autonoma delle Strade, che ha in gestione la casa cantoniera.

La costruzione, sita lungo la statale 72 che porta a Lecco, poco dopo la rotatoria per il centro del paese, era già stata in passato oggetto di intrusione da parte di sconosciuti che avevano tentato di occuparla, e sembra che nelle scorse settimane l'evento sia ricapitato.
Della scoperta sono stati messi a conoscenza prontamente anche la Prefettura e la Questura lecchese. Le tracce, secondo quanto spiegato dal sindaco, non sono riconducibili ad attività illecite ma indicano appunto che qualcuno ha soggiornato nelle stanze disabitate. Con i lavori effettuati mercoledì, dunque, gli operai incaricati da Anas si sono occupati di rendere l'immobile non più accessibile, murando le finestre al piano terra da cui probabilmente i disadattati entravano.
G.Co.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco