Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 428.530.544
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Giovedì 08 aprile 2021 alle 08:10

Como Brogeda: scoperta dalla Gdf merce non dichiarata

Nelle scorse ore, nell’ambito delle attività di controllo presso il valico autostradale di Brogeda, i funzionari ADM della Sezione Operativa Territoriale (SOT) di Ponte Chiasso e i militari della Guardia di Finanza del Gruppo di Ponte Chiasso hanno sottoposto a controllo due cittadine cinesi residenti in Italia, sorprese nell'atto di introdurre, nel territorio italiano, scarpe e accessori di una nota griffe di moda non dichiarati ai fini doganali per un valore complessivo di oltre 15.000 euro.

Alla domanda di rito, volta a conoscere se trasportassero merci al seguito, le due donne hanno risposto negativamente; nel corso del controllo, tuttavia, sono stati rinvenuti, all’interno del veicolo, quattro sacchetti di plastica trasparente ed un cartone contenenti 61 cinture, 15 borse, 3 zaini e 146 paia di scarpe della maison del lusso Bally. Constatata l’irregolare introduzione della merce ai sensi dell’art. 79 del Reg. n. 952/2013 (Codice doganale dell’Unione), è sorta l’obbligazione doganale del pagamento dei diritti all’importazione, dovuti nella misura complessiva di 4.621 euro, a titolo di dazio e IVA. Inoltre, a seguito dell’accertamento della condotta di inesatta dichiarazione di merce soggetta al pagamento di diritti doganali ai sensi dell’art. 303 del D.P.R. n. 43/73 (Testo Unico delle Leggi Doganali), ciascuna delle transitanti è soggetta al pagamento della sanzione amministrativa pari, nel minimo edittale, a 30.000 euro, poiché l’ammontare dei diritti evasi è superiore a 4.000 euro. In attesa della definizione dell’obbligazione doganale e del pagamento della sanzione, la merce è stata trattenuta presso gli uffici doganali, ai sensi dell’art. 38 del T.U.L.D.. L’attività posta in essere, volta a garantire l’osservanza delle norme in materia doganale, si inquadra in un più generale dispositivo di controllo al confine, in costante sinergia tra l’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli e la Guardia di Finanza.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco