Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 388.862.463
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Mercoledì 07 aprile 2021 alle 18:14

Asst: il vaccino ''fuori'' dagli ospedali con il via agli hub Palataurus e Technoprobe

I vaccini possono lasciare gli ospedali e approdare nei centri previsti per la somministrazione ''di massa'', il Palataurus di Lecco e lo stabilimento della Technoprobe di Cernusco Lombardone. Ad annunciarlo, nel corso della conferenza stampa convocata dall'Asst nel pomeriggio, il direttore generale Paolo Favini.



Il dottor Paolo Favini, direttore generale dell'Asst di Lecco

''I centri vaccinali del Mandic e del Manzoni andranno avanti con le seconde dosi per chi ha già ricevuto la prima'' ha spiegato. ''Quando entreranno a regime gli hub territoriali, la vaccinazione si sposterà lentamente tutta lì, con i richiami che saranno svolti direttamente in quelle strutture''. Non soddisfa ancora a pieno, tuttavia, il reclutamento di medici e infermieri che dovranno operare nei nuovi centri, in particolare in quello di Cernusco dove per la partenza sono previste soltanto cinque delle dodici potenziali linee che possono entrare in funzione.



Lo stabilimento della Technoprobe dove verranno somministrati i vaccini


Il Palataurus di Lecco

''Ci auguriamo di trovare il più presto possibile operatori sanitari, stiamo lavorando a questo'' ha proseguito il direttore generale. ''Dobbiamo mettere insieme tutte le forze per facilitare la collaborazione di medici e infermieri dell'Asst, i medici di base, enti privati convenzionati e non che vorranno partecipare, ma anche operatori in pensione''.
Ciò sembra essere una vera e propria corsa contro il tempo, se si considera che il livello di occupazione dei posti covid negli ospedali di Merate e Lecco rimane ancora piuttosto alto. Al Manzoni sono 194 i pazienti ricoverati dopo essere risultati positivi, dei quali 20 in terapia intensiva e 21 ventilati con casco cpap. Al Mandic sono invece 117 i ricoveri, otto le terapie intensive occupate e 21 in cpap.
Rispetto all'andamento della campagna vaccinale, Favini ha anche aggiunto che nelle ultime ore gli insegnanti hanno concluso il ciclo ed entro qualche giorno sarà concluso anche quello che riguarda gli over 80 lecchesi.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco