Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 388.857.754
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Martedì 06 aprile 2021 alle 15:07

CambiaMerate!: ''dietro la lavagna'' non Patrizia Riva ma chi ha scritto il comunicato di ''Più Prospettiva''

Patrizia Riva, per conto di “CambiaMerate! Con Aldo Castelli”, nel corso dell’ultima seduta della Commissione Cultura, ha suggerito nomi di donne cui titolare le scuole meratesi, oggi prive di dedica. Con la consapevolezza che, a norma di legge, regolamento e prassi, saranno le stesse scuole a individuare quei nomi, previa tuttavia la valutazione positiva di Giunta e Prefetto.
All’amarezza per il diniego della maggioranza di condividere quella proposta, magari emendandola, levando o aggiungendo nomi a quel che nelle intenzioni era un elenco aperto, è seguito un comunicato del gruppo di minoranza che evidenziava come le differenze tra uomo e donna, anche nella toponomastica meratese (e da lì a salire) siano evidenti e non si possano negare, pur nelle diverse sensibilità sul tema anche in punto di “quote rosa”, per molti – comprensibilmente – una forzatura. Apriti cielo.
Da Facebook un attacco da parte delle donne della maggioranza all’intero gruppo “CambiaMerate! Con Aldo Castelli” accusato di predicare bene e razzolare male, di distorcere la realtà, di precludere giungendo all’odio, di fare campagna denigratoria contro la maggioranza, di essere rancorosi.
Poi, uno ancor più violento contro la collega Riva, da parte di tutto il gruppo di maggioranza, che questa volta diventa strumentalizzatrice della scuola e addirittura “scolaretta”. Si può pensarla in modo diverso, anche su temi legati alla diversità. Ma la minoranza, consapevole che le decisioni toccano alla maggioranza, non abdicherà al proprio ruolo, che è insieme critico e propositivo. E quando la proposta è rigettata immotivatamente e senza appello, ha tutto il diritto di comunicarlo civilmente, come ha fatto.
Purtroppo già in passato, in Consiglio comunale, Andrea Robbiani aveva aggredito verbalmente Patrizia Riva. Questo è il secondo episodio, che a differenza del primo è appoggiato da tutto il gruppo “Più Prospettiva”.
Il terzo non lo tollereremo. 

P.s.: la maggioranza spedisce Patrizia Riva “dietro la lavagna”; riteniamo che lì ci debba stare chi di quel gruppo scriva “pasqua” con l’iniziale minuscola e “fà” con l’accento

I consiglieri di CambiaMerate!: Aldo Castelli, Gino Del Boca,
Alessandro Pozzi, Roberto Perego
.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco