Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 388.864.251
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 08/04/2021
Merate: 21 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 13 µg/mc
Lecco: v. Sora: 15  µg/mc
Valmadrera: 12 µg/mc
Scritto Sabato 03 aprile 2021 alle 17:43

Retesalute: i consiglieri votino no alla messa in liquidazione. I Soci versino subito le quote necessarie

Salvatore Krassowski, consigliere comunale
di Cernusco Lombardone - CLBC
Nei prossimi giorni i Consigli Comunali del meratese del casatese e dell'oggionese, in pratica i comuni soci di RETESALUTE, saranno chiamati ad esprimersi sulle sorti della stessa approvando o non approvando la proposta di scioglimento e messa in liquidazione continuando l'attività (??). Tale proposta appare a mio modesto parere un "pasticcio giuridico" che riflette un compromesso, forse è meglio definirlo uno stallo, causato da un conflitto politico che si trascina da diverso tempo tra il centro sinistra (PD) e il centro destra (LEGA e FORZA ITALIA). La posta in gioco è chi deve governare i servizi sociali nel nostro territorio con tutto quello che ne consegue in termini di benefici nel "sottobosco" della politica.

A quanto si apprende sembra che lo spettro della liquidazione coatta amministrativa (in altri termini una sorta di dichiarazione di fallimento) sia superato e i Comuni abbiano espresso a parole la volontà di ripianare il patrimonio netto negativo (debito) di circa tre milioni e settecento mila euro (coerenza vorrebbe che fossero subito approvati i bilanci 2018 e 2019), e di continuare ad erogare i servizi, perché altrimenti da soli non potrebbero riuscirci. Si apprende anche dai documenti contabili che RETESALUTE dal 2020 non produce perdite avendo riequilibrato la situazione economica. Appare quindi incomprensibile la stessa proposta dei Sindaci di procedere con una delibera di scioglimento e messa in liquidazione VOLONTARIA. Se chiude RETESALUTE anche i servizi sociali corrono il serio pericolo di essere privatizzati, ottimo risultato dopo la privatizzazione di fatto della sanità nella nostra regione. Rivolgo un appello a tutti i miei colleghi Consiglieri Comunali affinché votino contro la messa in liquidazione di RETESALUTE e che siano versati subito gli importi necessari per risanare la situazione patrimoniale e finanziaria. Solo cosi si può salvare RETESALUTE!
Salvatore Krassowski
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco