Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 394.627.576
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
polveri sottili
Valore limite: 50 µg/mc
indice del 13/05/2021
Merate: 12 µg/mc
Lecco: v. Amendoa: 2 µg/mc
Lecco: v. Sora: < 2 µg/mc
Valmadrera: 7 µg/mc
Scritto Venerdì 26 marzo 2021 alle 10:03

Boicottati

Gentile Direttore,
in questi ultimi tredici mesi abbiamo subito quanto di più inenarrabile potesse accadere, non solo a causa della pandemia, e le storiacce lette e vissute potrebbero a buon diritto essere la trama di un romanzo distopico.
In merito alle colpevoli incapacità, strumentali attacchi, grotteschi comportamenti da parte della gestione imprenditorial-leghista della Sanità nella Nostra martoriata Regione ho scritto sino alla noia, mia e di chi ha letto i miei interventi (bontà loro). Ho quindi appreso con vivo interesse una delle ultime sparate di Salvini: "chi sbaglia deve pagare a Bruxelles, a Roma, a Milano" e per alcuni secondi ho pensato che essendo lui il primo responsabile del disastro dopo aver subito la sua stessa ira avrebbe fatto dimettere il ventriloquo Fontana, l'assessore Camparini, e tutto il coacervo di incapaci al comando delle varie sottostrutture operative in quota Lega.
Pia illusione, si è invece materializzato un patetico scaricabarile fra Letizia Maria Briccheto Arnaboldi dei Moratti di Milano, l'incapace nonchè presuntuoso Bertolaso, il macchiettistico "governatore" e le unità operative responsabili di aver obbedito alle direttive di questi. Si è quindi materializzata una vera e propia guerra fra bande per stabilire chi dovrà nel 2023 sedere al Pirellone, se ancora Fontana o Lady Bricchetto Arnaboldi.
Risultato? Una vera e propria ecatombe: al Mandic quanto esaurientemente descritto su queste pagine, nel resto della regione ultraottantenni mandati a vaccinarsi a 50/100 Km dalle loro case, bisnonni e nonni in fila in attesa della punturina, convocazioni ad cazzum.
Fortunatamente non tutti gli amministratori rispondono a certi requisiti, i Sindaci di Santa Maria, La Valletta, Olgiate, Calco, Airuno e Brivio hanno organizzato un accogliente centro vaccinale a Olgiate, con l'obbiettivo di vaccinare tutti gli ultra ottantenni entro fine mese, per poi procedere con il resto della popolazione.  E...no!! la cosa non è piaciuta alla direzione (si fa per dire) sanitaria, senza nessun preavviso i vaccini non sono stati consegnati agli incaricati, ed il centro è stato chiuso, in spregio all'impegno profuso dai Primi Cittadini e alla popolazione interessata. Nella conferenza stampa di ieri sera gli ammirevoli protagonisti hanno annunciato di non demordere: esposto alla Procura della Repubblica, coinvolgimento della Prefettura, denunce per interruzione di pubblico servizio. Onorevole Fragomeli ha scritto una lettera urgente al Ministro Speranza.
Noi abitanti di questi borghi DOBBIAMO nel modo più assoluto complimentarci con i nostri Sindaci, io lo ho già fatto con il mio: non è vero che la Politica è sempre una brutta cosa, sono le persone a volte indecenti.
Grazie per l'attenzione,
Fulvio Magni
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco