Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o se vuoi negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Proseguendo la navigazione nel sito, acconsenti all'uso dei cookie.
ACCETTA
  • Sei il visitatore n° 420.322.993
Vai a:
Il primo network di informazione online della provincia di Lecco
link utili
bandi e concorsi
cartoline
Scritto Mercoledì 17 marzo 2021 alle 13:05

Calco: si spegne Giuseppe Ripamonti, con i fratelli aveva fondato l'omonima segheria

Nel pomeriggio di martedì 16 marzo si è spento Giuseppe Ripamonti, storico titolare insieme ai suoi cinque fratelli dell'omonima segheria per imballaggi in legno di via Nazionale a Calco, situata poco dopo la curva dello sport. Aveva 86 anni ed era nativo del paese, figlio di Giuditta e Serafino, noto ai tempi per aver avviato e gestito nei primi decenni del secolo scorso l'attività poi presa in carico dai figli, che proprio per questo sono conosciuti con il soprannome di ''Serafèt''.



Giuseppe Ripamonti il giorno del 50esimo anniversario di matrimonio
con la moglie Rosanna, nel 2013

Ripamonti era un uomo solare e amante della vita, sempre in grado di trarre un suo punto di vista originale su molti temi. Questo il ricordo della figlia Claudia, sorella di Lorenza, Fiorella e Serafino. ''Aveva dedicato molta parte dei suoi pensieri e della sua vita al lavoro, mantenendo sempre un grande desiderio di dare vita a nuovi progetti'' ha proseguito Claudia Ripamonti. ''Ha sempre operato nell'azienda con l'idea che gli era stata trasmessa dal nonno, che aveva sempre raccomandato di portare avanti l'attività come famiglia unita. Questo ideale ereditato i sei fratelli lo hanno sempre rispettato''. Ripamonti era sposato con Rosanna, nota in paese per avere a lungo gestito l'osteria e locanda situata in via Nazionale e conosciuta come ''Bar Sala''. Nel 2013 la coppia aveva festeggiato il 50esimo anniversario di matrimonio. ''Di papà posso dire che era una persona molto originale'' ha spiegato la figlia Claudia. ''Amava molto viaggiare, cosa che fatto con un gruppo di amici finchè è stato loro possibile. Aveva dei lati molto umoristici e simpatici, sicuramente un gran chiacchierone e una persona intelligente e critica, con uno sguardo sempre molto attento rispetto ai temi della vita, come ad esempio la politica''.
A.S.
© www.merateonline.it - Il primo network di informazione online della provincia di Lecco